Vertenza sul file sharing: parlano gli artisti favorevoli a Grokster e Morpheus

Sono giorni cruciali, questi, per il futuro della musica digitale, con la vertenza-chiave tra case discografiche e distributori di programmi di file sharing (Grokster e StreamCast/Morpheus) sottoposta al vaglio della Corte Suprema statunitense (vedi News). La causa, come Rockol ha avuto più volte occasione di scrivere, coagula contro i sistemi p2p non autorizzati e il downloading selvaggio gran parte dell’industria musicale, compresa una folta rappresentanza di artisti che, com’è il caso di Don Henley, Sheryl Crow o Dixie Chicks, appoggia la battaglia delle major e dell’organizzazione di categoria RIAA.

Un interessante articolo della Associated Press pubblicato nei giorni scorsi fa invece la conta dei dissidenti: tra questi Brian Eno, Chuck D, Sananda Maitreya (già noto come Terence Trent D’Arby) e le canadesi Heart, che insieme a una quindicina di altri colleghi si sono schierati esplicitamente, in tribunale, dalla parte di Grokster e Morpheus, sostenendo che il file sharing, anche “pirata”, è utile a far conoscere la loro musica al pubblico e che restrizioni normative rischiano di bloccarne il potenziale promozionale e distributivo ristabilendo le disparità di condizioni, tipiche del mondo discografico tradizionale, tra artisti legati alle major e artisti indipendenti.

Su posizioni simili si schierano, non da oggi, altri musicisti come Jeff Tweedy dei Wilco: “Il file sharing è un po’ come la nostra versione della radio”, ha ribadito il rocker americano, “un posto dove i fan possono comportarsi come tali e non sentirsi oggetto di uno sfruttamento a cui tutta l’industria, sostanzialmente, tende. Giusto essere pagati, ma qui si tratta di incoraggiare la gente a sentirsi più un mecenate delle arti che un consumatore”. Ma anche discografici come Andy Gershon della V2: “Il gatto è uscito dal sacco e ormai è così lontano che non ha senso continuare a lottare”, ha dichiarato all’AP il dirigente americano dell’etichetta di Richard Branson. “Tanto vale fare in modo che la gente si appassioni alla nostra musica, che questa venga scaricata illegalmente oppure no”. E John Beezer, presidente della società che distribuisce il programma di file sharing Weed, ricorda che già più di 7 mila artisti, la maggior parte dei quali indipendenti, sono ricorsi ai suoi servizi per distribuire musica in rete gratis e a pagamento: tra questi proprio i succitati Chuck D, Heart e Sananda Maitreya. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.