Mötley Crüe, una vita e un film pieno di eccessi: la recensione di "The dirt"

Mötley Crüe, una vita e un film pieno di eccessi: la recensione di "The dirt"

"The dirt" è un film che rispecchia esattamente i Mötley Crüe: eccessivo, sguaiato, cazzone, irreale, a tratti divertente, politicamente scorretto e oltre ogni limite di decenza. Stiamo parlando, ovviamente, del "bio-pic" dedicato alla band losangelina, uscito nei giorni scorsi su Netflix e tratto dalla biografia dallo stesso titolo. Racconta, a modo suo, la storia della band, dalle origini dei due membri principali, Nikki Sixx e Tommy Lee, all'arrivo di Mick Mars e quindi di Vince Neil nel 1981, fino alla loro reunion nel 1997 con il cantante dopo la sua temporanea sostituzione con John Corabi.

Il  film è un'occasione per riscoprire la band, sicuramente, così come la colonna sonora collegata. Ma abbiamo imparato la lezione con "Bohemian rhapsody": inutile andare alla ricerca della verità storica o dell'accuratezza. E' un film, è un racconto: quello che conta è che rappresenti lo spirito del gruppo, soprattutto per chi non lo conosce nei dettagli. 

"The dirt" presenta quindi due ore di sesso (tanto, mostrato esplicitamente), droga (altrettanto presente e mostrata senza remore) e rock 'n' roll - con riproduzione fedele di performance, concerti, videoclip - proprio come avviene nel film dedicato a Freddie Mercury. Qua, addirittura, i titoli di coda sono un confronto tra l'originale e alcune sequenze del film. L'effetto è un po' "Tale e quale show", soprattutto per la somiglianza di Machine Gun Kelly con Tommy Lee - anche se ogni volta che si vede Mick Mars torna in mente il cattivissimo Ramsay Bolt di "Game of Thrones", entrambi interpretati da Iwan Rheon - mentre il chitarrista del gruppo è notoriamente il più tranquillo e riservato del gruppo.

Cosa manca nel film? Tante cose. Manca il racconto della musica della band: magicamente, attaccano le chitarre e sono già dei maghi. Manca soprattutto il racconto della Los Angeles degli anni '80 dove nacquero l'hair metal e il cock rock (per dire: i Guns N' Roses non vengono neanche citati - solo in un'inquadratura si vede uno che potrebbe essere Slash, ma la cosa non viene esplicitata: forse perché tra le band non correva buon sangue?). E manca anche il confronto con il rock di Seattle, che era l'altra sponda opposta delle chitarre dalla fine del decennio ai primi anni '90: una sola citazione ai Pearl Jam, il cui murales è sulla parete dello studio dove invece la band è in piena crisi.
Manca anche il distacco e l'autocritica nel racconto dell'uso della droga: è vero che fu una delle chiavi della storia e dell'autodistruzione (temporanea) del gruppo. Ma almeno non esaltarla e non esibirla in questo modo: siamo nel 2019, con una una consapevolezza diversa rispetto a quella degli anni '80. La droga qua sembra un gioco innocuo: la disintossicazione succede come per magia, e gli effetti si vedono solo dopo un'ora abbondante di film e tra questi c'è la noia che deriva dall'avere smesso di usarla. Anche questo fa parte del "racconto" e dell'immagine che la band ha sempre voluto dare di sé. Da questo punto di vista, "The dirt", nella migliore delle interpretazioni, è un cartone animato. Nella peggiore, fate voi...

Insomma, spettacolo senza remore e senza freni, nulla di più e nulla di meno: il racconto esagerato del rock, e dei suoi pregi, dei suoi molti difetti e di molti suoi stereotipi: i Mötley Crüe  hanno saputo incarnare tutto questo, sul palco e dietro le quinte e in questo film.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.