Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 25/03/2019

Riforma UE del diritto d'autore, gli appelli di Morricone, Piovani, Conte e Mogol (SIAE)

Riforma UE del diritto d'autore, gli appelli di Morricone, Piovani, Conte e Mogol (SIAE)

Domani, 26 marzo, il Parlamento europeo voterà la tanto discussa Riforma del diritto d’autore, sulla base del testo uscito dall’accordo trovato dall’istituzione parlamentare con il Consiglio europeo e la Commissione europea lo scorso mese di febbraio. In vista del voto definitivo a Strasburgo alcuni nomi della scena musicale italiana hanno lanciato un appello affinché i parlamentari approvino la Direttiva, che dal loro punto di vista garantirebbe il giusto riconoscimento del diritto d’autore, aggiornato sulla base dello scenario contemporaneo del mondo del digitale. Ad alzare le loro voci a favore del sì, al fianco dell’industria creativa italiana, sono stati il sodale di Lucio Battisti e dal settembre 2018 presidente della SIAE Mogol, Ennio Morricone, Nicola Piovani e Paolo Conte.

Quanto a Giulio Rapetti, alias Mogol, l’autore si è così rivolto ai parlamentari: “Vi dico che non è un problema di opinione ma di coscienza e vi dico anche che abbiamo fiducia in voi”. Queste invece le parole del Maestro Morricone: “Questa Direttiva serve a ristabilire che il lavoro creativo deve essere remunerato, così come la storia dei nostri Padri Fondatori ci ha insegnato”. “Questo non è qualcosa che va a vantaggio dei pochi autori ricchi, ma va a vantaggio dei tanti, tantissimi autori che ricchi non sono, e dei tanti giovani autori che hanno diritto a vedere riconosciute le opere del proprio ingegno per piccolo che sia”, ha detto Piovani nel suo appello, concludendo: “Perché questa è una premessa perché esista la libertà degli autori, la ricchezza e la diversità dei contenuti”. Da ultimo, Paolo Conte ha così reso nota la sua posizione: “Le piattaforme si oppongono con tutta la forza delle loro lobby, difendendo con le unghie e con i denti le regole che li privilegiano, scritte nel 2000, quando Internet era tutta diversa”.

Leggi anche: 
Alla vigilia del voto definitivo sulla riforma UE del copyright, il riassunto delle puntate precedenti
Diritto d'autore, il 12 settembre il Parlamento Europeo vota per la Riforma: chi è a favore e chi è contro, e perché