Who, Roger Daltrey e Pete Townshend svelano i retroscena del nuovo album

Who, Roger Daltrey e Pete Townshend svelano i retroscena del nuovo album

Se ne parla già da un po' ormai e anche se non ha ancora un titolo né una data d'uscita, il disco - hanno assicurato gli Who - prima o poi arriverà. Roger Daltrey e Pete Townshend lo hanno ribadito anche in occasione di un'intervista concessa al Sun per promuovere il concerto che il prossimo 6 luglio vedrà la leggendaria rock band britannica esibirsi al Wembley Stadium di Londra.

Daltrey e Townshend hanno raccontato al tabloid britannico anche alcuni retroscena legati alle lavorazioni dell'atteso successore di "Endless wire" del 2006, che ad oggi rimane l'ultimo album pubblicato dagli Who. Lavorazioni che, come hanno spiegato i due musicisti, almeno in un primo momento non si sono rivelate così semplici, per lo più a causa dei problemi di udito di Roger Daltrey:

"La musica di Pete è arrivata in un momento in cui avevo problemi con le orecchie, quindi non potevo ascoltarla. Non ascolto molta musica ora perché i miei problemi con l'udito stanno peggiorando. Ogni tour che faccio, peggiorano".

A convincere Daltrey a fare qualche piccolo sforzo, ha raccontato lui, è stata la qualità del materiale presentato da Townshend:

"Ho pensato: 'Queste canzoni sono buone, ma suonano come un album solista di Pete'. Così mi sono chiesto: 'Come posso farle mie? Come possiamo trasformarle in un album degli Who?'".

Townshend, dal canto suo, ha fatto sapere di aver preparato una quarantina di pezzi e poi tra questi ne ha scelti una quindicina da presentare a Daltrey:

"Volevo sfidarlo, volevo che si sentisse eccitato".

Stando alle anticipazioni offerte dal duo, a livello di contenuti il nuovo album degli Who sarà abbastanza attuale: parlerà di povertà, criminalità, armi da fuoco e del clima di incertezza politica che grava su diversi paesi del mondo. Ma non mancheranno ricordi del passato, ha detto Townshend:

"Ho scritto una canzone su un'avventura sessuale da una notte, un ricordo degli anni '80. Avevamo bevuto troppi drink e quando siamo arrivati a casa sua, alle cinque o alle sei del mattino, la figlia adolescente di questa donna ha dovuto alzarsi dal letto e andare a scuola per darci modo di fare sesso".

Tra i supporter del concerto degli Who al Wembley Stadium ci sarà anche Eddie Vedder, che pochi giorni prima di esibirsi allo stadio londinese sarà in concerto in Italia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
JIMI HENDRIX
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.