Jim McCarty (Yardbirds) racconta perché i Led Zeppelin si dovettero chiamare in questo modo

Jim McCarty (Yardbirds) racconta perché i Led Zeppelin si dovettero chiamare in questo modo

Il batterista degli Yardbirds Jim McCarty in una recente intervista rilasciata a Forbes ha rivelato una storia su di lui, gli Yardbirds, il chitarrista Chris Dreja e i Led Zeppelin.

Secondo Jim McCarty, quando lui e il cantante Keith Relf decisero di lasciare la band e fare qualcosa di diverso, Jimmy Page – che militava negli Yardbirds - Robert Plant, John Bonham e John Paul Jones volevano chiamare la nuova formazione "New Yardbirds".

Chris Dreja che deteneva i diritti sul nome ‘Yardbirds’, però inviò una lettera del suo avvocato e li ha minacciati legalmente.

Ecco cosa ha dichiarato Jim McCarty a Forbes:

"Gli Yardbirds si erano esauriti. Eravamo molto stanchi, eravamo stati in giro a suonare tutte le sere per tre anni. Avevamo perso la creatività. Non era esattamente la stessa cosa con la formazione a quattro. Keith e io decidemmo di lasciare per fare qualcosa di completamente diverso, cosa che facemmo con i Renaissance. Ma c'era già un tour prenotato con i Vanilla Fudge. Quindi Jimmy (Page) lo fece con Robert Plant, John Bonham e John Paul Jones. Si chiamarono New Yardbirds per il primo tour. Chris Dreja venne messo da parte in favore di John Paul Jones. Ma Chris deteneva i diritti sul nome. Li diffidò quindi dall'usare il nome New Yardbirds, gli inviò la lettera di un avvocato o qualcosa del genere. Quindi legalmente non potevano continuare. L'hanno cambiato in Zeppelin."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.