Ancora guai per R Kelly: ora è in prigione per mancato pagamento degli alimenti

Continua la poco edificante saga del rapper di Chicago R Kelly. A fine febbraio, dopo essersi consegnato alle autorità, era stato liberato su cauzione: è accusato, infatti, di 10 reati legati ad abusi sessuali aggravati. Si professa innocente, ma andrà sotto processo e rischia una pena addirittura di oltre 40 anni, se riconosciuto colpevole.

Ora Kelly è finito in galera per davvero. Il motivo? Deve alla sua ex Drea Kelly moglie oltre 160.000 dollari in alimenti per il sostentamento del figlio. Nel pomeriggio di mercoledì 6 marzo, infatti, il rapper è stato convocato dai giudici e non ha versato la somma dovuta. In Illionois un mancato pagamento di qualsiasi somma oltre i 20.000 dollari è considerato reato penale e sono scattate le manette.

Kelly, appena prima di essere arrestato, aveva negato davanti alle telecamere della CBS ogni accusa e addebit. Il network ha anche annunciato uno speciale dedicato all'artista che andrà in onda venerdì 8 marzo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.