Prodigy, addio a Keith Flint: gli ultimi concerti in Italia della band

È venuto a mancare oggi, 4 marzo, il leader dei Prodigy Keith Flint, il cui corpo è stato trovato senza vita nella sua abitazione di Dunmow, nell’Essex britannico. La formazione da lui capitanata, uno dei nomi di punta del big beat, genere che gli stessi Prodigy hanno contribuito con la loro musica a definire, aveva appena terminato il tour a supporto di “No Tourists”, conclusosi meno di un mese fa con il live del 5 febbraio a Auckland, in Nuova Zelanda, dopo aver preso il via il 24 novembre 2018 a Londra. Tra le tappe della tournée dell’ideale seguito di “The Day Is My Enemy” (2015) ha trovato spazio anche l’Italia, dove i Prodigy sono andati in scena il 30 novembre al Modigliani Forum di Livorno e il 1° dicembre all’RDS Stadium di Rimini. 

La formazione elettronica britannica non è mai stata avara di concerti nella Penisola, dove si è esibita anche nel 1991, nel 1997, nel 1998, nel 2005, nel 2006, nel 2009, nel 2010, nel 2012, nel 2014, nel 2015 (leggi qui la nostra recensione del live di Reggio Emilia) e nel 2016. Nelle date di Livorno e Rimini - le ultime, alla luce della triste notizia di oggi, ad aver dato ai fan la possibilità di vedere in scena Keith Flint -, entrambe aperte con il classico “Breathe”, i Prodigy hanno privilegiato i brani dei due album più recenti del gruppo, lasciando ampio spazio ai pezzi di “No Tourists” anche nei bis, che hanno proposto a Livorno “We Live Forever”, “Fire”,  “Take Me to the Hospital”, “Timebomb Zone” e “Out of Space” e a Rimini solo le prime tre. La scaletta completa dei due set la trovate qui.

Leggi anche: 
Chi era Keith Flint e perché (insieme ai suoi Prodigy) è stato così importante
In morte di Keith Flint: tutti i singoli dei Prodigy finiti nella top 10 britannica - VIDEO (1 / 12)​

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.