Il CD compie 40 anni...e non se la passa benissimo

Il CD compie 40 anni...e non se la passa benissimo

Il prossimo 8 marzo il CD compie 40 anni. Tanto è trascorso da quel giorno del 1979 quando la Philips lo presentò al mercato. Il supporto ora vive un declino che crediamo irreversibile per l'arrivo di nuovi formati come lo streaming.

Un declino, come riporta l’Ansa, sancito in Italia, oltre che dai numeri, anche dall'uscita dal paniere Istat, che annovera i beni e i servizi più acquistati. Negli Stati Uniti, già lo scorso anno, venne chiusa l'ultima fabbrica che li produceva.

La progettazione del Cd nella sua configurazione definitiva risale al 1979 e si deve ad una joint venture della Philips con l'azienda giapponese Sony, che già dal 1975 stava sperimentando la tecnologia per un disco ottico digitale. Un accordo tra la casa giapponese e quella olandese portò alla definizione dello standard per il compact disc, che prevedeva dischi di 12 centimetri e una risoluzione di 16 bit, e al lancio definitivo.

A sancire il 'matrimonio' fu il direttore d'orchestra Herbert Von Karajan che con i Berliner Philharmoniker è protagonista del primo disco registrato con il nuovo formato, mentre il primo album pop pubblicato su questo supporto è “52nd Street” di Billy Joel.

Nel 1990 il CD supera il 33 giri in vinile. Nel 2007, quando già l'mp3 è una realtà da diversi anni, si contano 200 miliardi di compact disc venduti nel mondo. L'avvento dell'mp3, di piattaforme come Napster e successivamente lo streaming determinano il declino del Compact Disc, con il 2015 che verrà ricordato come l'anno in cui i formati 'immateriali' hanno superato quelli fisici.

Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.