R Kelly rischia fino a 70 anni di carcere. L'avvocato: 'È un agnello sacrificale'

Inizierà il prossimo 8 marzo il processo a R Kelly per le presunte molestie sessuali delle quali è stato accusato. Il rapper si è costituito lo scorso venerdì alla stazione di polizia di Chicago e, se condannato, rischia fino a 70 anni di carcere. Sono state più di dieci le vittime degli abusi - alcune delle quali minorenni - a testimoniare di fronte al grand jury convocato per indagare sulle presunte molestie.

R Kelly al momento non ha rilasciato alcuna dichiarazione, ma per lui ha parlato il suo avvocato. Il legale ha tenuto una conferenza stampa lo scorso venerdì sera proprio fuori dalla stazione di polizia di Chicago dove il rapper si è costituito:

"Penso che i giudici non dovrebbero precipitarsi a giudicare. È un uomo innocente. Kelly è forte, ha molto sostegno e sarà scagionato da tutte queste accuse. È un agnello sacrificale".

Il giudice, intanto, ha fissato la cauzione per il rilascio a 1 milione di dollari.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.