Rhapsody deve pagare fino a 10 milioni di dollari agli autori di canzoni

Rhapsody deve pagare fino a 10 milioni di dollari agli autori di canzoni

Negli ultimi tempi non solo Spotify si è trovata di fronte alla prospettiva di azioni legali da parte dei cantautori per quanto riguarda le royalties generate dallo streaming.

Anche Rhapsody era invischiata in un caso portato da David Lowery, Victor Krummenacher e David Faragher. La società ha fornito i dettagli di un accordo che la vedrà pagare fino a 10 milioni di dollari (secondo Billboard, fino a 20 milioni di dollari "se la situazione finanziaria della compagnia cambia") ai cantautori auto-pubblicati.

Questo in aggiunta a un accordo esistente tra Rhapsody e la National Music Publishers Association che tutela i cantautori firmati dagli editori. C'è di più in questo nuovo accordo. Come riporta sempre Billboard: "Inoltre, Rhapsody istituirà un comitato consultivo per gli artisti con un budget annuale di almeno 30.000 dollari per promuovere il servizio come piattaforma ‘creator friendly’ e istituire un ‘programma di riferimento per artisti’ che darà ai creatori una commissione di 10 dollari per ogni abbonato".

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.