NEWS   |   Pop/Rock / 19/02/2019

Slash e i problemi con la fama: "Non potevo più andare al Rainbow e bermi un drink"

Slash e i problemi con la fama: "Non potevo più andare al Rainbow e bermi un drink"

Negli uffici della Gibson Guitars il chitarrista dei Guns N’Roses Slash è stato intervistato dalla rivista Kerrang. Ha parlato di molti argomenti, non ultimo il suo problema con la dipendenza da alcool e droga durato molti anni.

Racconta Slash:

“Tutto il periodo dal 1987 fino agli anni novanta, c'era sempre da bere, molta follia e feste, e tutto eccessivo. Avrai sentito delle storie, ne sono sicuro. Non sono mai stato uno da cui andare a dire, 'Oh, ho una storia su questa persona...'. Tengo le cose molto per me, ma è stato un periodo molto colorato.”

Qualcuno ti ha mai dato qualche consiglio in quel periodo, viene chiesto a Slash:

“Una volta David Bowie, mentre attraversavo una fase di seria allucinazione. Ho parlato di quella cosa con lui perché era inquietante. Lui disse: ‘In questo momento sei in un brutto posto e sei diventato vulnerabile a molte interazioni esterne con cose che le persone normalmente non vedono, ti sei esposto a questo’. E io, 'Woah! È pesante...’ Ma quello era un buon consiglio. O forse un chiarimento che apre gli occhi sullo stato mentale in cui mi trovavo."

E quanto sei stato vicino a bere e drogarti alla morte? Questa la risposta:

“Non è diventato davvero un problema fino al 2005. C'è stato un periodo nel 2001 che ero davvero malato di avvelenamento da alcol e questo mi ha rallentato per un minuto e poi ha ripreso a funzionare. Il 2004 e il 2005 sono stati piuttosto brutti e, finalmente, nel 2006, ho pensato "Sai una cosa? Questo non è più divertente. Non è possibile ricreare quel fottuto rancore che avevi nel 1980 e qualcosa, non tornerà mai più a essere così’. E lentamente ne sono uscito, ma è stato davvero difficile uscire da tutta quella dipendenza."

Al loro culmine, i Guns N 'Roses erano una delle più grandi band del mondo. In che modo tutta quell'improvvisa attenzione e fama ti hanno influenzato?.

"Io non avevo alcuna aspirazione di essere famoso di per sé. Le persone lo fanno per i motivi più diversi, e molte persone, anche di immenso talento, grandi cantautori e grandi musicisti adorano questa adulazione pubblica. Ma non ci ho pensato molto perché non avevo fantasie su come sarebbe stato, o di come volevo che fosse, quindi quando è arrivato il momento è stato difficile; come il fatto che non potevo più andare al Rainbow e semplicemente sedermi e bere un cazzo di drink..."

L'intera intervista la potete leggere qui.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BOB DYLAN
Scopri qui tutti i vinili!