NEWS   |   Industria / 13/02/2019

Secondary ticketing, tutti assolti gli imputati del processo a Milano

Secondary ticketing, tutti assolti gli imputati del processo a Milano

La gup del Tribunale di Milano Maria Vicidomini ha assolto tutti gli imputati nel processo per secondary ticketing nel quale erano sfociate le indagini condotte dal pm del capoluogo lombardo Adriano Scudieri: la corte - riferisce l'agenzia ANSA - ha disposto il non luogo a procedere per Roberto De Luca e Antonella Lodi, rispettivamente titolari delle società Live Nation Italia e Live Nation 2, che aveva scelto il rito abbreviato, e gli altri quattro imputati che avevano optato per il rito ordinario, ovvero Domenico d'Alessandro, legale rappresentante dell'agenzia D'Alessandro e Galli, Corrado Rizzotto, all'epoca dei fatti contestati amministratore delegato di Vivo Concerti, e Charles Stephen Roest, amministratore del sito Viagogo.

"E' stato dimostrato che non vi era alcuna rilevanza penale nel comportamento dei nostri assistiti e anche l'impossibilità di trasferire il contenuto di una trasmissione televisiva in un processo penale", ha fatto sapere, in una nota, il team legale che ha assistito l'ad di Live Nation Roberto De Luca, che a sua volta ha dichiarato: "Si chiude così una parentesi di oltre due anni e mezzo durante la quale sono stato sempre fiducioso e convinto della correttezza del nostro operato. Questa sentenza ci rende finalmente piena giustizia e non può che renderci felici. Ringrazio i nostri avvocati per il lavoro svolto".

Nel fascicolo aperto da Scudieri si erano ipotizzati i reati di aggiotaggio e truffa riguardanti le vendite online di biglietti di concerti, tra cui quelli di Bruce Springsteen e dei Coldplay, a prezzi maggiorati, che avrebbe portato dal 2011 al 2016 a ricavi per oltre un milione di euro.