Sanremo 2019, Francesco Renga al DopoFestival: ‘Le voci maschili sono più belle di quelle femminili’. E scoppia la polemica

Sanremo 2019, Francesco Renga al DopoFestival: ‘Le voci maschili sono più belle di quelle femminili’. E scoppia la polemica

Nel corso del Dopofestival della scorsa notte - che ha fatto seguito alla quarta serata, quella dei duetti, di Sanremo 2019 – Francesco Renga, in gara alla sessantanovesima edizione della rassegna con la canzone “Aspetto che torni”, ha detto il suo punto di vista sul perché al Festival di quest’anno ci siano poche artiste donne in gara. Accodandosi alla risposta di Baglioni, che ha attribuito le scarse quote rosa alle poche proposte femminili pervenute, l’ex Timoria ha spiegato:

È una questione fisica, di vocalità. Cioè, la voce femminile…  adesso mi odieranno tutti… però in realtà la voce maschile è più armoniosa, è più bella. Le voci femminili belle, aggraziate, giuste sono meno di quelle maschili.

Di fronte alle perplessità scatenate tra le fila del DopoFestival, Renga ha ulteriormente precisato:

Non è un caso che ci siano molti più cantanti maschi, non è una questione di sesso, è che la voce maschile all’orecchio umano ha una gradevolezza diversa da quella femminile. Le voci femminili hanno delle frequenze che sono diverse e quindi all’udito vengono apprezzate solamente quando sono veramente molto speciali.

Anche sul web le affermazioni del cantautore hanno suscitato non poche polemiche. Ecco alcuni tweet degli utenti:

Francesco Renga ha poi diffuso un comunicato nel quale precisava il proprio pensiero.

Dall'archivio di Rockol - Francesco Renga racconta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.