'Negozianti fuori tempo massimo, Internet li cancellerà': lo dice Costello

'Negozianti fuori tempo massimo, Internet li cancellerà': lo dice Costello
Intervistato dal celebre Bill Flanagan (ora dirigente di MTV) nel corso di un faccia a faccia che ha avuto luogo mercoledì scorso (16 marzo) al South by Southwest di Austin, il cantautore inglese non ha avuto parole tenere nei confronti dei discografici (non è una novità), delle radio e dei rivenditori di dischi. I primi, ha detto Costello, hanno la colpa di “rinchiudere le persone creative all’interno di strutture massicce e ingombranti che mi ricordano gli ultimi giorni dei dinosauri”. Ma anche i negozianti specializzati, secondo l’autore di “Alison” e di “Almost blue”, non sono al passo coi tempi e hanno ormai perduto il contatto con i consumatori. Catene come Tower Records, ha sostenuto Costello, hanno perso lo spirito degli esordi: “Non appena la banda larga sarà diventata abbastanza diffusa, il loro tempo sarà definitivamente scaduto. Mancano cinque minuti alla fine, non si accettano più scommesse. La scelta è tra cambiare e scomparire…”. Quanto alle radio, Costello le ha bollate senza mezzi termini come proprie “nemiche”. “L’unico modo di promuovere un nuovo disco, per gente come me, è fare concerti. Ma va bene così: è la musica dal vivo che conta, non i dischi. E’ sempre stato così”.
    Intervistato dal celebre Bill Flanagan (ora dirigente di MTV) nel corso di un faccia a faccia che ha avuto luogo mercoledì scorso (16 marzo) al South by Southwest di Austin, il cantautore inglese non ha avuto parole tenere nei confronti dei discografici (non è una novità), delle radio e dei rivenditori di dischi. I primi, ha detto Costello, hanno la colpa di “rinchiudere le persone creative all’interno di strutture massicce e ingombranti che mi ricordano gli ultimi giorni dei dinosauri”. Ma anche i negozianti specializzati, secondo l’autore di “Alison” e di “Almost blue”, non sono al passo coi tempi e hanno ormai perduto il contatto con i consumatori. Catene come Tower Records, ha sostenuto Costello, hanno perso lo spirito degli esordi: “Non appena la banda larga sarà diventata abbastanza diffusa, il loro tempo sarà definitivamente scaduto. Mancano cinque minuti alla fine, non si accettano più scommesse. La scelta è tra cambiare e scomparire…”. Quanto alle radio, Costello le ha bollate senza mezzi termini come proprie “nemiche”. “L’unico modo di promuovere un nuovo disco, per gente come me, è fare concerti. Ma va bene così: è la musica dal vivo che conta, non i dischi. E’ sempre stato così”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.