NEWS   |   Italia / 08/02/2019

Zen Circus - la recensione di "Vivi si muore 1999-2019"

Zen Circus - la recensione di "Vivi si muore 1999-2019"

Li avete conosciuti con “L’amore è una dittatura”? E allora vale la pena ascoltare “Vivi si muore 1999-2019” che riassume una storia ventennale attraverso 19 pezzi che cantano di provincia e anarchia prendendo sia dal cantautorato italiano, sia dal rock underground americano degli anni ’80.

Cose che troverete nella prima antologia degli Zen Circus, in ordine sparso: canzone italiana mescolata al vecchio rock underground americano, cinismo e compassione, qualunquisti e figli di puttana. Storie di provincia, ragazzi sottopagati, inni cantabili e incasinati. Avere pochi soldi in tasca e avere vent’anni. Canzoni rock scritte bene. Canzoni d’amore, canzoni sul tempo che passa, una canzone di Natale. Parole consolatrici e testi contro ogni consolazione. Spirito da contrarian e un poco d’anarchia. Musiche per ballare e musiche per farsi male.

Leggi la recensione completa di "VIVI SI MUORE 1999-2019" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti
Testi