NEWS   |   Pop/Rock / 29/01/2019

David Gilmour mette all'asta 120 chitarre per beneficenza

David Gilmour mette all'asta 120 chitarre per beneficenza

Il già chitarrista dei Pink Floyd David Gilmour metterà all'incanto nel corso della prossima estate centoventi tra chitarre elettriche, acustiche e bassi usati nel corso della sua carriera: tra gli strumenti che finiranno all'asta presso la casa Christie’s di New York - e i cui proventi dalle vendite saranno devoluti in favore di varie cause benefiche - figura la leggendaria Black Strat, la Fender Stratocaster del 1969 utilizzata dall'artista durante le session di registrazione di "The Dark Side of the Moon" del 1973 e imbracciata anche nel corso delle esibizioni presso l'Anfiteatro Romano di Pompei del 7 e 8 luglio 2016 (poi fissate nel live album "Live at Pompeii" del 2017).

Tra gli altri strumenti particolarmente degni di nota figurano un'altra Stratocaster, databile a circa il 1954 e contrassegnata dal numero di serie #0001 (la produzione del modello più celebre della casa fondata da Leo Fender fu prodotto proprio a partire dal 1954) utilizzata durante la registrazione di “Another Brick in the Wall (Part 2)” e una Gretsch Penguin del 1958. I modelli più pregiati della collezione sono stati valutati, secondo le analisi degli esperti, tra i 100mila e i 150mila dollari, mentre modelli meno prestigiosi - tra gli altri, una Stratocaster rossa dell''84 usata tra gli anni Ottanta e Novanta, una Martin D-35 del '69 e una Gibson Les Paul del '59 - potrebbero essere strappati anche con "soli" 30mila dollari.

Nel catalogo (disponibile a questo indirizzo), tuttavia, sono presenti anche articoli la cui basa d'asta è stata fissata a 300 dollari: l'asta si terrà il prossimo 20 giugno presso la sede di Christie’s nella Grande Mela.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi