Osservatorio NUOVOIMAIE, parte 38: l’intervista a Maldestro, giurato a Sanremo del Premio Enzo Jannacci 2019

Osservatorio NUOVOIMAIE, parte 38: l’intervista a Maldestro, giurato a Sanremo del Premio Enzo Jannacci 2019

Antonio Prestieri - 33 anni, napoletano, meglio conosciuto col nome d'arte di Maldestro - nel 2017 prese parte al Festival di Sanremo con il brano "Canzone per Federica" facendosi sfuggire per appena una lunghezza - arrivò secondo - il primo posto nella categoria cadetta alla sessantasettesima edizione del Festival della Canzone Italiana, ma centrò un importante bersaglio: con quella che poi sarebbe stata la terza canzone del suo secondo album, "I muri di Berlino", Maldestro conquistò la prima edizione del premio Enzo Jannacci, riconoscimento ideato da NUOVOIMAIE - del quale abbiamo già parlato nella scorsa puntata dell'Osservatorio - per supportare i Giovani in gara al teatro Ariston celebrando l'ironia e la poesia dell'indimenticabile cantautore meneghino.

Prestieri, che la sua chance sul palco l'ha già avuta, tra pochi giorni tornerà nella cittadina ligure per il secondo anno consecutivo come giudice – insieme al vincitore dell’edizione 2018 del premio, Mirkoeilcane, il figlio di Enzo Jannacci Paolo e il già chitarrista dei Pooh Dodi Battaglia - della terza edizione del premio Jannacci, che nel 2019 - con la "fusione" voluta da direttore artistico Claudio Baglioni tra le categorie dei Big e quella dei Giovani - sarà conteso dai soli vincitori delle selezioni di Sanremo Giovani Einar e Mahmood.

"Tornare all'Ariston da giurato mi fa sempre un certo effetto: preferivo stare dall'altra parte della barricata, dove si è meno 'cattivi'", ci spiega Maldestro: "Però sono contento, sia perché ascolterò della musica interessante sia perché confrontarmi con i colleghi che come me faranno parte della giuria è sempre molto divertente". Prestieri, per il quale la "materia prima" da valutare sarà tutto sommato una sorpresa - "Ammetto di non conoscere molto Einar e Mahmood, il loro è un genere che non frequento abitualmente"- ha le idee molto chiare su cosa ascoltare dai colleghi in gara: "Mi aspetto canzoni importanti, che riescano a toccare la sensibilità di chi le ascolta, come successo lo scorso anno con la canzone di Mirko [Mancini, titolare del progetto premiato Mirkoeilcane, premiato lo scorso anno]".

Il Festival della Canzone Italiana può fare di più per aiutare i giovani a emergere? "Sì. E non so se la formula adottata quest'anno possa essere efficace allo scopo", confessa Maldestro, "Ridurre il numero di emergenti da otto a due e scegliere artisti già resi visibili dai talent show televisivi mi lascia perplesso. Sarebbe bello, invece, che ai giovani venga accordata una serata per duettare con i big, per esempio, perché solo con l'aiuto dei grandi nomi - che, inevitabilmente, catalizzano l'attenzione del pubblico generalista - un artista emergente può conquistare la visibilità che un palco del genere offre".

Il Festival, comunque, rimane un'esperienza da fare: "Per me è stato bellissimo, perché l'ho preso come un gioco", ricorda Prestieri, "Sanremo è una settimana importante, che mi ha dato grandi soddisfazioni, ma la carriera un artista deve sapersela costruire dopo, camminando sulle proprie gambe". E come vede, Maldestro, il binomio tra Festival e canzone d'autore? "All'Ariston è sempre stata privilegiata la canzone italiana tradizionale, con la melodia e tutto il resto: infatti artisti come Vasco lì non hanno mai sbaragliato, facendosi valere solo a posteriori, in altri contesti. Credo sia giusto che Sanremo resti un contenitore 'leggero': preferisco un grande Festival della Canzone, con belle canzoni al centro dello show, piuttosto che un festival dove si fanno i monologhi per i migranti tanto per farli".

Leggi qui le puntate precedenti di Osservatorio NUOVOIMAIE.

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.