Adriano Celentano appare in silenzio per la seconda puntata di "Adrian"

Adriano Celentano appare in silenzio per la seconda puntata di "Adrian"

Il giochino di “Adrian”, la serie animata di Adriano Celentano, si è ripetuto anche per la seconda sera. Dopo ascolti discreti ma non alti (21,9% per l'anteprima, 19,03% per il cartone, che però ha generato una curva in caduta libera dopo l'inizio), il Molleggiato non ha cambiato il copione.

La seconda sera si svolta sempre in diretta dal Teatro Camploy di Verona, con protagonisti principali Nino Frassica e Natalino Balasso, a cui si è aggiunto Giovanni Storti di Aldo Giovanni e Giacomo. Nessuna traccia di Ambra Angiolini, che pure era data tra gli ospiti dello show. Poche variazioni, con buona parte della puntata centrata sui monologhi di Giovanni e sulla pantomima di Frate Frassica che decide chi salvare sulla nave.

Poi Celentano: prima parla, voce fuori campo, in un confessionale mentre Frassica gli chiede conto dei suoi peccati. E confessandosi attacca la stessa rete che lo paga: "Ho peccato, ho lasciato illudere Canale 5 che avrei partecipato fisicamente alla trasmissione, ma sono concentrato su Adrian, che è la mia anima". E poi ancora "Quello che fa la Rai lo fa Mediaset, ormai sono reti unificate".

Quando Celentano poi entra in scena, a fine puntata, tra Frassica e Storti, rimane in silenzio per tre minuti, e il pubblico urla "Ci basta così!". Forse a quello a teatro, ma a quello a casa? 

Insomma, il solito vecchio Celentano che prende in giro tutti, se stesso per primo. "Adrian" è un "evento" costruito sull'assenza, e fatto di contenuti, ossessioni e modi di relazionarsi con il pubblico che ormai conosciamo a memoria.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.