NEWS   |   Metal / 22/01/2019

Matt Sorum: "Diventai il batterista dei Motorhead perché Dave Grohl non era disponibile"

Matt Sorum: "Diventai il batterista dei Motorhead perché Dave Grohl non era disponibile"

L’ex batterista dei Guns N’Roses, ora nei Deadland Ritual, Matt Sorum ha parlato a Sirius XM di quando, nel 2009, fece parte della line up dei Motorhead per tredici concerti dell’ultimo tour statunitense della band inglese in sostituzione di Mikkey Dee.

Ricorda Sorum:

"Lemmy mi chiamò... In realtà mi mandò un messaggio e io sentii la sua voce leggendo il testo: ‘Matt, ho bisogno che tu venga a suonare la batteria’. Gli ho risposto con un messaggio, ‘Perché io?’ Non so perché gli scrissi così. Lui mi rispose, ‘Dave Grohl non è disponibile’. Lemmy non era un tipo da tanti giri di parole, ti diceva la verità. Mi piaceva quella cosa di lui, allora gli ho scritto: ‘Quando proviamo?’ Lui scrisse: ‘Non proviamo’”.

Continua Sorum:

"Recuperai un DVD dei Motorhead al Wacken Open Air. Mi arrivò per posta con FedEx il giorno dopo. Lui mi disse: ‘Impara il concerto del Wacken’. E l'ho imparato. Poi li ho incontrati al 9.30 Club di Washington. Facemmo il soundcheck e suonammo... E fu fantastico, anche se per un batterista...era confuso, perché ci sono molte canzoni dei Motorhead che hanno sotto quel ritmo fragoroso e dovevo solo decifrarlo. Ma ovviamente, suonare “Overkill” e “Ace Of Spades”... Poi ho dovuto imparare la roba più nuova di Mikkey, come “(In The Name of) Tragedy”".

Sorum dice anche che suonare i brani dei Motorhead era faticoso:

"Era un set molto energico e mi piaceva. Lo ricordo come fosse ieri, specialmente stare sul tour bus con Lemmy. Raccontava storie fantastiche. Sapeva tutto quello che c'era da sapere su ogni guerra civile. Passavamo in autostrada nel Midwest o nel Sud, dove c’erano dei campi di battaglia, e lui spiegava: 'Laggiù c'è stata la battaglia di...' e sapeva tutto. Non solo della Seconda Guerra Mondiale o della Prima Guerra Mondiale, ma della guerra civile americana. Era un appassionato di storia."

Matt chiude dicendo che suonare con i Motorhead è stata ‘una delle più grandi esperienze che abbia mai avuto’ e ‘probabilmente uno dei più grandi tour della mia vita. Mi sono divertito moltissimo con quei ragazzi’.

Come riporta Blabbermouth, quando Lemmy morì, nel dicembre 2015, Sorum scrisse un sentito omaggio al leader dei Motorhead, dicendo che il mondo "ha perso il più grande cazzone nella storia del rock'n'roll. Era un uomo che ha vissuto la sua vita senza scuse e ha vissuto il sogno di una vita on the road per suonare musica a migliaia di fan in tutto il mondo, Lemmy amava il rock 'n' roll e i suoi fan."

Sorum ricorda di avere incontrato Lemmy per la prima volta nel 1989 al St. Moritz, un club di Londra.

"Mi ha aperto le sue braccia mentre io ero ancora uno nuovo di quel giro. Mi sentivo accettato da lui e questo significava tutto per me. Era uno che aveva tracciato la strada e noi ne abbiamo seguito l'esempio. Rimani fedele a ciò in cui credi, non vacillare mai e gli altri che si fottano".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi