NEWS   |   Italia / 19/01/2019

Ainè - la recensione di "Niente Di Me"

Ainè - la recensione di "Niente Di Me"

"Niente di me" è il nuovo album di Ainé. Due anni dopo il disco d'esordio "Generation one", il musicista romano torna con un disco scritto e cantato totalmente in italiano (il precedente era per metà in italiano e per metà in inglese), per dimostrare che un'idea di soul-electro-r&b italiano contemporaneo è possibile. Lo abbiamo ascoltato:

"Ora ascolta bene, ti porterò dove non sei stato mai", canta Ainé nel pezzo che apre il disco, come a pretenderti per mano per accompagnarti nel suo mondo. Che è fatto tanto di suoni che guardano all'elettronica e al (neo)soul internazionale (vedi Frank Ocean, James Blake, Jamie xx, Sampha o Solange Knowles) quanto di melodie orgogliosamente italiane. Queste undici tracce riassumono tutta la filosofia di Ainé ("Non ascolto la radio, io non seguo le mode", dice in "Fatti così") e la sua formazione: in quaranta minuti di musica si susseguono, come in un flusso continuo, funk ("Fatti così"), jazz elettronico ("Il corpo che si muove"), soul ("Ormai"), r&b ("Solo un po'") e almeno un paio di pezzi che si avvicinano a ballate più tradizionali ("Io sono qui", "Niente di me")

Leggi la recensione completa di "NIENTE DI ME" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti
Testi