NEWS   |   Italia / 18/01/2019

Sanremo 2019, l'ascolto di Rockol delle 24 canzoni in gara

Sanremo 2019, l'ascolto di Rockol delle 24 canzoni in gara

Un mix di generi: alla canzone classica si affiancano neo-soul e r ’n’ b, rap, pop-post indie, pop contemporaneo, rock classico e rock orchestrale. Tanto amore da punti di vista diversi, il confronto tra generazioni ma anche temi sociali e politici - si parla di migrazioni in diversi momenti - e tante domande senza risposta. 
Claudio Baglioni aveva presentato il cast di Sanremo 2019 come un tentativo di scattare una fotografia della contemporaneità musicale: ad un primo ascolto dei 24 brani in gara - suona come il Festival più vario da molto tempo a questa parte. 

Oggi, 18 gennaio, si è svolto il rito pre-sanremese introdotto qualche anno fa da Fabio Fazio: i giornalisti hanno sentito in anteprima e in sequenza le versioni di studio delle canzoni in gara, alla presenza del direttore artistico Claudio Baglioni, nella sede RAI di Milano.  “Abbiamo ascoltato 400 canzoni, e tra queste abbiamo cercato un panorama largo della musica italiana. Un senso di bellezza, anche di bizzarria, di vitalità, sincerità e anche di verità”, ha spiegaro il cantautore/direttore.
Baglioni ha messo assieme un cast sicuramente più coraggioso di quello del 2018: l’apertura di credito da parte di molta musica italiana dopo il successo della passata edizione ed un numero più ampio di partecipanti hanno permesso scelte più larghe.

La premessa è quella ripetuta ogni anno da Rockol, nel resoconto di questa sessione: le canzoni di Sanremo si capiscono sul palco di Sanremo, nella resa televisiva e con l’orchestra. In questo primo ascolto ci si può fare un’idea su temi e suoni, ma questi ultimi non saranno necessariamente quelli che sentiremo dal 5 febbraio. Per fare un esempio, diversi brani hanno parti con l’autotune come effetto sonoro. Mahmood non lo userà per scelta sul palco, altri probabilmente sì.
Queste le impressioni, al primo ascolto - evitando pagelle, voti etc etc, per cui ci sarà tempo più avanti, nel caso.
Detto questo: hanno colpito molto l’intensità della canzone di Motta, la classe dei brani di Mahmood, Ghemon e della coppia Livio Cori/Nino D’Angelo; la carica dei Negrita e la scelta degli Zen Circus di fare una canzone senza ritornello. Il rap, paradossalmente, lo fa Daniele Silvestri ma non Achille Lauro che si presenta con una canzone rock a suo modo soprendente. Facendo i futurologi - pronti a essere smentiti: la vittoria se la giocano Ultimo, il Volo e Irama. Ultimo ha  una canzone più semplice di quella dell’anno scorso, ma sempre intensa nell’intepretazione; il Volo si presenta in versione rock orchestrale e Irama la mette sul sociale: potrebbe ripetere Meta-Moro del 2018. Premio della critica verso uno tra Motta, Cristicchi e Silvestri.
Ecco le note, canzone per canzone. 

(Gianni Sibilla)

Arisa - "Mi sento bene” 
(testo di Matteo Buzzanca, Lorenzo Vizzini, Arisa; musica di Matteo Buzzanca, Lorenzo Vizzini, Alessandra Flora)
Arisa gioca con il suo personaggio, con un accenno a come l’abbiamo vista in passato su questo palco per poi presentarsi in maniera più leggera. Parte come canzone d’altri tempi, per archi e voce. Poi cambia completamente, diventa un brano pop e ritmato: “Se non ci penso più, mi sento bene, mi sveglio presto il lunedì e mi sento bene”. Si chiude per piano e voce e archi, com’era iniziata.

Boomdabash - "Per un milione
(Testo di Rocco Hunt, Federica Abbate, Cheope, Angelo Cisternino; musica di Alessandro Merli, Fabio Clemente, Rocco Hunt, Cheope).
Il pezzo più pop e dritto dei 24, tra reggae, chitarre latineggianti e un ritornello contagioso (si sente la mano di Federica Abbate, che oggi in questo campo è l’autrice migliore): “Ti aspetterò come come il caffè a letto a colazione, come ad un concerto dall’inizio si aspetta il ritornello di quella canzone”. Si candida a tormentone di questa edizione, come “Una vita in vacanza” l’anno scorso.

Loredana Berté - "Cosa ti aspetti da me”
(Gaetano Curreri, Gerardo Pulli, Piero Romitelli)
Un rock moderno, alla Vasco, che viene citato in una strofa (“va bene, va bene così”) dall’amico e sodale Curreri. Una canzone pensata per esaltare il carisma vocale della Berté: “Che cosa vuoi da me, che cosa vuoi per te, cosa nascondi dentro di te?”

Federica Carta e Shade -  "Senza farlo apposta”
(Testo di Shade, Jacopo Ettore; musica di Giacomo Roggia)
Inizio piano e voce, e poi prosegue tra parti rappate e ritornello con voce aperta, alternando ritmo e melodia. E’ il sequel di “Irraggiungibile”, la canzone che i due hanno già cantato assieme, ma senza i riferimenti “giovani” che solitamente abbondano  nelle strofe di Shade. Niente “Insta”, “vocali” e display per una una canzone d’amore tradizionale nel testo.

Simone Cristicchi - "Abbi cura di me”
(testo di Simone Cristicchi, Nicola Brunialti; musica di Simone Cristicchi, Gabriele Ortenzi)
Una lunga introduzione recitata,  un ritornello quasi sussurrato: una canzone “alla Cristicchi”, teatrale, in cui la musica si apre solo sul finale, con l’orchestra che parte su un ritmo derivato dal Bolero: “Abbi cura di me, abbi cura di me, il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro, basta mettersi al fianco invece di stare al centro”; una delle candidate al premio della critica.

Nino D'Angelo e Livio Cori - "Un'altra luce”
(Testo di Nino D'Angelo e Livio Cori, musica di Livio Cori, Francesco Fogliano, Massimiliano Dagani, Mario Marco Gianclaudio Fracchiolla)
Voci in autotune, un brano elettronico e downtempo, un dialogo tra generazioni: “Je te vedo accussì/Quella faccia pulita/si è sporcata coi graffi del tempo che fugge”. Più Livio Cori che Nino D’Angelo: usa pure lui l’effetto vocale, ma si riconosce soprattutto nei controcanti e nella bella strofa finale.

Einar - “Parole nuove”
(Testo di Tony Maiello; musica di Tony Maiello, Enrico Palmosi, Nicola Marotta)
Una canzone d’amore che parte semplice e si apre in un ritornello con tastiere e chitarre. “E giuro che se te ne vai, cancellerò tuo nome, riscriverò l’amore con parole nuove”.

Ex Otago - "Solo una canzone” (Ex Otago)
L'amore adulto, in una canzone introspettiva e diretta allo stesso tempo, che ricorda i colleghi Thegiornalisti e il pop di un gruppo cresciuto in quella scena che una volta chiamavamo “indie”: “Non è semplice restare complici/un amante credibile quando l’amore non è giovane. E’ solo una canzone abbracciami per favore”.

Ghemon - "Rose viola”
(Testo di Ghemon; musica di Ghemon e Zef)
Ghemon fa la sua cosa, con un urban soul moderno e caldo: “Accarezzerò le tue mille spine/sarò fragile/rosa viola/stese sulle lenzuola/come tutte notte in cui tu te ne stai sola”. Un pezzo non semplice e di gran classe.

Il Volo - "Musica che resta”
(Testo di Emilio Munda, Piero Romitelli, Antonio Carozza, Pasquale Mammaro, Gianna Nannini; musica di Emilio Munda, Piero Romitelli)
Il Volo punta alla vittoria bis con “Grande amore” parte due, in chiave rock; inizia piano voce e orchestra per arrivare ad un ritornello con le chitarre in evidenza: “Amore abbracciami/Voglio proteggerti/siamo il sole in un giorno di pioggia/stanotte stringimi/Baciami l’anima/siamo musica che vera che resta”.

Irama - "La ragazza col cuore di latta”
(Testo di Irama, Giuseppe Colonnelli; musica di Irama, Andrea Debernardi, Giulio Nenna)
Irama porta una canzone sulle violenze domestiche, alternando strofe recitate e ritornelli aperti, che si apre con un rumore di giocattoli e usa il battito di un cuore: “A sedici anni il suo papà/le regalò un cuore di latta/però rubò il suo vero cuore con freddezza/n cambio della vita”. Nel testo “sociale” e nel crescendo musicale ricorda Meta-Moro del 2018.

Achille Lauro - "Rolls Royce”
(Testo di Achille Lauro, Davide Petrella musica di Daniele Deizi, Daniele Mungai, Edoardo Manozzi)
Partenza voce e chitarra elettrica alla “1979” degli Smashing Pumpkins e cassa dritta. Citazioni di Doors, Hendrix, Amy Winehouse, Elvis, Axl Rose, Rolling Stones, Paul Gascoigne, Van Gogh e Billie Joe Armstrong: Achille Lauro gioca a fare la rockstar ma più nel senso classico che in quello del collega Sfera Ebbasta. Pezzo divertente e niente (t)rap, se non per un accenno di autotune nel finale.

Mahmood - “Soldi”
(testo di Mahmood; musica di Mahmood, Dardust, Charlie Charles)
Mahmood ha la canzone più contemporanea del gruppo: si fa produrre da Dardust e dal guru della trap Charlie Charles (l’uomo di Ghali e Sfera), parte con voce in autotune, arriva ad un ritornello melodico, e prosegue con ritmi spezzati e sincopati, che ricordano Marco Mengoni. Difficile, e per questo davvero interessante: “Io da te non ho voluto soldi/è difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio/lasci casa in un giorno/Tu dimmi se volevi soldi soldi soldi”.

Motta - "Dov'è l’Italia" (Motta)
Un pezzo intenso, che parte voce e chitarra e si riempie nel ritornello con echi neo folk; un testo sulle migrazioni viste dal punto di vista delle relazioni amorose, talvolta in maniera esplicita, talvolta in maniera più indiretta: “Come quella volta a due passi dal mare fra chi pregava la luna e chi sognava di ripartire. L’abbiamo vista arrivare con l’aria stravolta di chi non ricorda cosa era l’amore e non sa dove arrivare. Dov’è l’Italia amore mio? Mi sono perso”. Altra forte candidata al premio della critica.

Negrita - “I ragazzi stanno bene”
(Negrita, Francesco Barbacci, Il Cile)
Scritta dai Negrita con il loro produttore storico Barbacci e con Il Cile, parte con atmosfere western (una slide e un fischio), e con citazioni politiche (“Di fantasmi sulle barche e di barche senza un porto come vuole un comandante a cui conviene il gioco sporco") e si apre in un ritornello in cui si fa i conti con l’essere ragazzi-adulti: “Non mi va di raccogliere i miei anni dalla cenere, voglio un sogno da sognare voglio ridere”. La chitarra di Drigo in evidenza fa il resto, per un bel pezzo.

Nek - "Mi farò trovare pronto”
(Nek, Paolo Antonacci, Luca Chiaravalli)
Inizio piano e archi, poi entra un tastierone che sostiene un ritmo incalzante. E’ il Nek electro-pop che avevamo (ri)scoperto proprio a Sanremo con “Fatti avanti amore”, con una canzone motivazionale scritta con Paolo Antonacci (figlio di Biagio e già autore di Ramazzotti e Annalisa) e prodotta da Chiaravalli, che firmò il pezzo del 2015: “Sono pronto, sono pronto a non essere a non essere pronto mai per essere all’altezza dell’amore".

Enrico Nigiotti - "Nonno Hollywood” (Enrico Nigiotti)
Un’altra canzone sul rapporto tra le generazioni - “Nonno mi hai lasciato un mondo a pile/centri commerciali al posto del cortile” e  “Mi tengo stretto addosso i tuoi consigli perché lo sai che qua non è mai facile”: Una ballata molto classica nella struttura e con ritornello ad effetto.

Patty Pravo e Briga - "Un po' come la vita”
(Testo di Marco Rettani, Diego Calvetti, Zibba, Briga; musica di Marco Rettani, Diego Calvetti, Zibba, Luca Leonori)
Due voci diverse si alternano e si intrecciano, con Briga che accenna un strofa rappata alla fine, e la classe di Patty Pravo che svetta e illumina un brano che per il resto, al primo ascolto, non lascia il segno: “Tu vuoi volare? Hai tempo per pensare, ma intanto dimmi almeno dove il cielo va a finire”.

Francesco Renga - "Aspetto che torni”
(Testo di Bungaro, Francesco Renga, Cesare Chiodo, Rakele; musica di Bungaro, Cesare Chiodo, Giacomo Runco)
Una canzone d’amore semplice e dritta, scritta da Bungaro e affidata a Renga: permette al cantante di mostrare la sua esperienza e classa da interprete.  “Un universo che mi riempie le mani/il mondo si perde/Tu invece rimani/Un mare dentro negli essere umani/Io aspetto che torni stasera/Per stare con te”. L’autore la canterà in duetto il venerdì con Renga.

Daniele Silvestri (con Rancore) - “Argentovivo” (Daniele Silvestri)
Silvestri racconta un ragazzo di sedici anni dalla vita segnata dal sistema: “Io che ero argento vivo, dottore, io così agitato, così sbagliato, con così poca attenzione, ma mi avete curato e adesso mi resta solo il rancore”.  Un ritmo sincopato e l’orchestra che fa da contrappunto ad strofe dense e recitate, e un rap finale di Rancore (appunto). Un pezzo che sul palco sarà di grande effetto e altro candidata al premio della critica.

Anna Tatangelo - "Le nostre anime di notte” (Lorenzo Vizzini)
Le difficoltà di una relazione per una canzone che verrà letta pensando ai gossip con Gigi D’Alessio: “E adesso siamo qui/E siamo nudi per la prima volta/senza il timore di fare una scelta e poi non scegliere mai”.  La struttura è tradizionale, voce, piano, base elettronica e ritornello aperto.

Paola Turci, "L'ultimo ostacolo”
(Testo di Paola Turci, Luca Chiaravalli, Stefano Marletta; musica di Luca Chiaravalli, Edwyn Roberts).
Altro brano brano electro, dove si sente mano di Luca Chiaravalli (come nel pezzo di Nek), che unisce cassa potente, piano e archi, un po’ alla Coldplay; la voce di Paola Turci che si rompe nel ritornello, raccontando del bisogno di una figura paterna: “Magari no, non è l’ultimo ostacolo, ma è bellissimo pensare di cadere insieme. Piove però siamo fuori pericolo /riusciremo a respirare/nel diluvio universale”.

Ultimo - "I tuoi particolari” (Ultimo)
Parte piano e voce, poi entra il resto della strumentazione, con apertura ad effetto per l’orchestra. Una canzone d’amore, più tradizionale rispetto a “Il ballo delle incertezze” dell'anno scorso con qualche accenno agli effetti del fare il cantante: “Mi mancano tutti quei particolari quando dicevi a me ‘ sempre stanco perché tu non hai orari’”. Ultimo sempre intenso, e torna per vincere.

Zen Circus, "L'amore è una dittatura” (Zen Circus)
Appino che declama lunghe strofe quasi senza prender fiato, raccontando la sua visione del tempo odierno, tra citazioni poltiche (i porti chiusi) e metafore: “L’amore è una dittatura fatta di imperativi categorici, ma nessuna esecuzione, mentre invece l’anarchia la trovi dentro ogni emozione”. Una canzone in crescendo, senza ritornello, con un finale elettrico ed intenso. Coraggiosa.

Accedi alla web-app gratuita degli effettivi passaggi radiofonici delle canzoni di Sanremo in tempo reale, divisi per categorie Campioni e Nuove Proposte, calcolati da Radiomonitor su un panel di circa 367 emittenti monitorate in Italia.
© Radio Airplay powered by Rockol - riproduzione vietata.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi