NEWS   |   Metal / 15/01/2019

Motley Crue, la trasformazione di Machine Gun Kelly in Tommy Lee per il biopic ‘The Dirt’

Motley Crue, la trasformazione di Machine Gun Kelly in Tommy Lee per il biopic ‘The Dirt’

La trasformazione del rapper Machine Gun Kelly nel co-fondatore dei Motley Crue Tommy Lee per il biopic "The Dirt: Confessions of the World’s Most Notorious Rock Band", in uscita su Netflix il prossimo 22 marzo, è iniziata. Il primo passo della metamorfosi per calzare i panni di Lee è stata la questione tatuaggi. Il rapper, al secolo Richard Colson Baker, ha dovuto in primo luogo coprire i suoi, per poi “indossare” quelli del batterista e cantante. “Mi piace il suo tatuaggio di merda di Mighty Mouse, il primo che ha fatto. Fa così tanto primo tatuaggio”, ha raccontato Machine Gun Kelly intervistato dall’edizione statunitense di Billboard sulla pellicola.

Sin dal primo giorno di riprese, a New Orleans, il regista Jeff Tremaine ha poi insistito perché il rapper uscisse a bere con Douglas Booth, che nel biopic interpreterà la parte di Nikki Sixx, ma il ricordo di quella prima bevuta non è dei migliori: “Per i primi 30 minuti Doug continuava a dire ‘Sono Nikki Sixx, cazzo!’ e ha morso la sua spalla [di Tremaine] così forte che ha ancora i segni del morso e dei cerchi viola intorno ai segni”.

Kelly è stato scelto per “The Dirt” dopo sei audizioni in due anni e mezzo. A proposito della biografia eponima della band californiana alla quale la pellicola è ispirata il rapper ha detto di averla letta a 13 anni: “Era la mia Bibbia. Avevo i modelli sbagliati mentre crescevo, questo è certo”, ha scherzato.

A interpretare gli altri Motley Crue saranno, oltre al già citato Douglas Booth nelle vesti di Nikki Sixx, Iwan Rheon come Mick Mars e Daniel Webber come Vince Neil.

 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi