NEWS   |   Pop/Rock / 12/01/2019

Led Zeppelin, 50 anni fa usciva il primo disco: nove curiosità sull'album che definì l'hard rock (1 / 10)

Led Zeppelin, 50 anni fa usciva il primo disco: nove curiosità sull'album che definì l'hard rock

C'è chi ricorrenze del genere le affronta col piglio sufficiente di chi l'istituzionalità la malsopporta, specie quando celebrata, e chi ci si tuffa di testa non prima di aver esclamato l'ennesimo o tempora o mores. Il nostro modestissimo parere è che la cosa migliore da fare sia cercare di capire cosa abbia reso un disco come "Led Zeppelin" - uscito il 12 gennaio del 1969 negli USA, e solo il 31 marzo dello stesso anno nel Regno Unito - così importante nella storia del rock.

Jimmy Page, Robert Plant, John Paul Jones e John Bonham sono stati capaci di far decollare la propria carriera - e un genere musicale che per i quarant'anni successivi avrebbe fatto la fortuna di un intero comparto industriale, quello discografico - sotto i peggiori auspici, tra colleghi che su di loro non avrebbero scommesso un penny, la quasi indifferenza dell'establishment discografico e le sopracciglia alzate della stampa musicale (la stessa che - molto - ex post li avrebbe celebrati), ma - come saggiamente osservato da Joe Perry, che qualche debito con Mr. Page ce l'ha - "sapevano esattamente cosa volevano ottenere".

Leggi anche'Led Zeppelin I', le stroncature 'd'epoca' di Mick Jagger e George Harrison

Eccolo, il segreto. Come nella "Lettera rubata" di Poe, era lì sotto gli occhi di tutti, eppure nessuno era ancora riuscito a vederlo. Tranne loro, che non hanno fatto altro se non ripescare cosa aveva da offrire il passato e rileggerlo assecondando la propria sensibilità. Sembra facile - detto oggi, poi - ma i Led Zeppelin con il loro primo, eponimo disco hanno dato una lezione che pochi hanno ancora imparato: avere un'idea - chiara - in mente e seguirla, fregandosene di tutto e di tutti, senza la paura di prendere strade che nessuno ha mai preso prima. Se andrà male, pazienza: starà a voi cercare di adagiare lo "Zeppelin di piombo" il più delicatamente possibile a terra senza farlo schiantare, come in nella copertina qui sopra ormai diventata icona. Ma se andrà bene - perché avete talento, perché non siete stati troppo autoindulgenti, perché avete avuto fortuna e per mille altre ragioni - farete la storia. Esattamente come è successo a loro, e come vi raccontiamo nelle pagine che seguono. Buona lettura, e buon ascolto!