Led Zeppelin, 50 anni fa usciva il primo disco: nove curiosità sull'album che definì l'hard rock (1 / 10)

Led Zeppelin, 50 anni fa usciva il primo disco: nove curiosità sull'album che definì l'hard rock

C'è chi ricorrenze del genere le affronta col piglio sufficiente di chi l'istituzionalità la malsopporta, specie quando celebrata, e chi ci si tuffa di testa non prima di aver esclamato l'ennesimo o tempora o mores. Il nostro modestissimo parere è che la cosa migliore da fare sia cercare di capire cosa abbia reso un disco come "Led Zeppelin" - uscito il 12 gennaio del 1969 negli USA, e solo il 31 marzo dello stesso anno nel Regno Unito - così importante nella storia del rock.

Jimmy Page, Robert Plant, John Paul Jones e John Bonham sono stati capaci di far decollare la propria carriera - e un genere musicale che per i quarant'anni successivi avrebbe fatto la fortuna di un intero comparto industriale, quello discografico - sotto i peggiori auspici, tra colleghi che su di loro non avrebbero scommesso un penny, la quasi indifferenza dell'establishment discografico e le sopracciglia alzate della stampa musicale (la stessa che - molto - ex post li avrebbe celebrati), ma - come saggiamente osservato da Joe Perry, che qualche debito con Mr. Page ce l'ha - "sapevano esattamente cosa volevano ottenere".

Leggi anche'Led Zeppelin I', le stroncature 'd'epoca' di Mick Jagger e George Harrison

Eccolo, il segreto. Come nella "Lettera rubata" di Poe, era lì sotto gli occhi di tutti, eppure nessuno era ancora riuscito a vederlo. Tranne loro, che non hanno fatto altro se non ripescare cosa aveva da offrire il passato e rileggerlo assecondando la propria sensibilità. Sembra facile - detto oggi, poi - ma i Led Zeppelin con il loro primo, eponimo disco hanno dato una lezione che pochi hanno ancora imparato: avere un'idea - chiara - in mente e seguirla, fregandosene di tutto e di tutti, senza la paura di prendere strade che nessuno ha mai preso prima. Se andrà male, pazienza: starà a voi cercare di adagiare lo "Zeppelin di piombo" il più delicatamente possibile a terra senza farlo schiantare, come in nella copertina qui sopra ormai diventata icona. Ma se andrà bene - perché avete talento, perché non siete stati troppo autoindulgenti, perché avete avuto fortuna e per mille altre ragioni - farete la storia. Esattamente come è successo a loro, e come vi raccontiamo nelle pagine che seguono. Buona lettura, e buon ascolto!

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.