Comunicato Stampa: 'O Zulù in tour

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

'O ZULU'
in The Almukawama Experiment 3
Feat: Zulù + Jrm + Andrae + Clark Kent + Vecienzo c''a chitarra

Zulù torna in tour per presentare il suo nuovo spettacolo, accompagnato da JRM (99 Posse) al basso, Claudio Marino (che ha suonato con 99 Posse e Raiz) alla batteria, Andrae alle macchine. E, percorrendo la strada aperta un anno fa da Elio e Le Storie Tese, durante moltissime serate realizzerà i ‘cd brulé’ - ovvero i cd live istantanei - del concerto appena terminato. Zulù presenterà brani assolutamente inediti (il che rende il cd brulé ancora più interessante in quanto unica possibilità di riascoltare queste nuove produzioni) come pure brani dei 99 Posse: dalle origini di “Curre curre guagliò” ad oggi, un progetto che rilancia e guarda al futuro con la stessa rabbia di sempre.

Ma ripercorriamo il cammino artistico Zulù. 15 anni di cui 10 percorsi insieme ai 99 Posse, nati nel ’91 come potente veicolo d’espressione delle nuove culture urbane. Il primo singolo della 99, "Rafaniello" e "Salario Garantito", dà la stura a quell'onda rap e raggamuffin che segnerà una svolta epocale nella musica popolare italiana. "Curre Curre Guagliò", primo album della 99 Posse, esce nel '93 e diventa il manifesto di una intera generazione. Nasce quindi l'etichetta discografica Novenove, per dare voce agli artisti che non troverebbero spazio nell'ingessata industria musicale. E' in questa dimensione autonoma che nasce "Cerco tiempo", che totalizzerà oltre 80.000 copie. Il ‘98 é in tutti i sensi l'anno del "Corto circuito": il gruppo fa un salto e finisce per vendere oltre 160.000 copie dell'album. Ma il passaggio ad una visibilità forte non muta il loro rapporto con il pubblico né la loro spinta alla sperimentazione; e "La vida que vendrà" ne è la prova più tangibile. Il percorso dei 99 si ‘conclude’ con “NA 99 10” del 2001, ma le strade dei componenti della posse continuano ad incrociarsi per nuovi progetti. Com’è il caso nel 2003 con Al Mukawama (“La Resistenza” in arabo), progetto nato dall’incontro fra ‘O Zulù e Papa J – membri fondatori dei 99 Posse – e Neil Perch, dubmaster e anima ritmica degli Zion Train. Testi in cui, volendo essere compresi il più possibile, per la prima volta è presente un cantato in spagnolo, inglese e arabo. Ed un live fortemente suggestivo, grazie anche alle immagini di vita e di lotta curate dal regista Antonio Bocola. Collaborazione, quest’ultima, sfociata nella ‘direzione artistica’ di ‘O Zulù sulla colonna sonora del film di Bocola e Paolo Vari “Fame Chimica”, uscito nel maggio del 2004 e diventato immediatamente un cult movie.

Un percorso lungo e differenziato, dove i mutamenti hanno toccato il lato artistico ma non l’impegno sociale e politico. Tutti gli album infatti sono usciti fin dall'esordio a prezzo politico o prezzo imposto. Ed è proprio questa l’intenzione alla base della decisione di realizzare durante questo tour il cd brulé di ogni concerto che, eliminando i passaggi intermedi della produzione di un cd (casa discografica / distributore / negoziante) realizza un rapporto diretto fra ‘produttore’ e ‘consumatore’ che taglia ogni sovrapprezzo aggiuntivo e permette così di rendere il costo della musica ancora più accessibile, e contemporaneamente taglia ogni tempo d’attesa e rende subito disponibile – e subito riascoltabile - l’emozione del concerto appena concluso.
Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.