Tupac Shakur, la rivelazione di Suge Knight: 'Mi parlò di simulare la sua morte'

Tupac Shakur, la rivelazione di Suge Knight: 'Mi parlò di simulare la sua morte'

Il numero uno della Death Row Records Marion Suge Knight, che attualmente sta scontando in carcere una condanna a 28 anni di reclusione per omicidio volontario, ha sostenuto di aver parlato con Tupac Shakur, la punta di diamante del gangsta rap della west coast assassinata a Las Vegas nel '96, di una possibile simulazione della morte del cantante di "All Eyez on Me": le nuove dichiarazioni, rilasciate prima della sua carcerazione, sono contenuto nel documentario di prossima uscita "American Dream/American Knightmare".

"Eravamo a Maui [alle Hawaii], dove lui non era mai stato, e parlammo di fingere la propria morte", ha spiegato Knight: "Tupac era d'accordo a farlo. Sapete, aveva fatto quei video ["I Ain’t Mad At Cha", girato poche settimane prima della sua scomparsa], dove lo si vedeva morire tutto vestito di bianco, e quelle robe lì. Stava provocando tutti. Pensavo: sta parlando di questa merda mentre stiamo costruendo insieme il nostro futuro, e se continui a parlare di non esserci più, di morire, e fai tutti questi cazzo di video dove sei morto, merda, se dovesse succederti davvero qualcosa non sarò io il figlio di puttana con le lacrime agli occhi. Sarò il figlio di puttana che ancora lavorerà per te".

Lo scorso mese di ottobre Sure J. Knight, il figlio di Suge, postò sul proprio account Instagram una serie di foto sostenendo che Shakur sia ancora vivo e risieda - ovviamente in incognito - in Malesia: alla tesi proposta dal figlio del discografico sui social, tuttavia, non venne dato alcuno credito.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.