NEWS   |   Pop/Rock / 13/12/2018

Taylor Swift aveva installato ai suoi concerti un software per il riconoscimento facciale anti stalker

Taylor Swift aveva installato ai suoi concerti un software per il riconoscimento facciale anti stalker

La sicurezza non è mai troppa, soprattutto se sei una star del mondo dello spettacolo ti chiami Taylor Swift e se sei già stata molestata da più di uno stalker negli ultimi anni. Per combattere quindi le molestie di questi personaggi dalla personalità instabile l’entourage della popstar statunitense ha usato un software di riconoscimento facciale durante uno dei suoi spettacoli di quest’anno.

Secondo quanto riportato dalla edizione americana del magazine Rolling Stone, il team della Swift ha installato telecamere per il riconoscimento facciale al suo spettacolo al Rose Bowl di Los Angeles lo scorso 18 maggio. La telecamera sarebbe stata nascosta all'interno di un display in un chiosco e chi si fermava a guardare il display veniva fotografato .

Quelle immagini venivano poi inviate a un ‘posto di comando’ a Nashville, dove venivano confrontate con le immagini degli stalker di Taylor Swift accertati e conosciuti.

I mandatari di Taylor devono ancora rispondere ai fan che potrebbero non aver saputo delle telecamere nascoste. Non è molto chiaro neppure chi sia il proprietario delle foto dei fan che si sono fermati allo stand.

Per rimanere sempre in tema di Taylor Swift, attraverso il suo account Twitter ha postato un trailer annunciando che il 31 dicembre, su Netflix, verrà trasmesso il film dell’ultimo concerto del suo ‘Reputation Tour’.

Il mese scorso, la Swift è stato anche nominata come l'utente Twitter più influente del 2018, nonostante quest’anno abbia inviato solo 13 messaggi.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi