NEWS   |   Pop/Rock / 06/01/2019

Springsteen on Broadway: la storia di "Born to run"

Springsteen on Broadway: la storia di "Born to run"

E' uscito "Springsteen on Broadway", documentazione audio dello spettacolo dei record di del Boss al Walter Kerr Theathre, sulla 48° strada a New York. Il giorno dopo verrà pubblicato anche in versione video. Il CD è la registrazione audio di uno spettacolo da record, in termini numerici: oltre 220 replice, 100 milioni di dollari di incasso. Ma quello che più conta è la dimensione musicale: un Bruce Springsteen senza filtri, che canta versioni minimali, di pura emozione, delle sue canzoni. 

Concludiamo il nostro speciale e il track-by-track: la storia e l'analisi di ogni canzone delle 16 in scaletta. Oggi parliamo di "Born To run", la chiusura dello show.
Non poteva che finire così, con quella che Springsteen stesso definisce come la sua canzone più bella, sicuramente quella che ha suonato di più dal vivo nella sua carriera, quella che ha dato il titolo alla sua autobiografia. Il suo manifesto di vita, ancora oggi che vive a 10 minuti da dove è nato, che è scappato, ma è anche tornato a casa.
La canzone arriva come preghiera laica dopo la preghiera cattolica del Padre Nostro, recitato seriamente e chiuso con un "Amen". Bruce la suonò in versione acustica già nel tour dell'87, per parlare della voglia di legami che genera la fuga.
Oggi, più che mai, Springsteen è un uomo che può raccontare la fuga, l'amore, la fratellanza perché le ha vissute.

“I really wanted to rock your souls”, dice Bruce. Amen.

Qua la storia delle altre canzoni.

Bruce Springsteen-Springsteen On Broadway [2 CD]

EUR 12,78
Compra ora su Amazon.it
Leggi anche:
“Springsteen on Broadway”, il DNA e i demoni di Bruce: da New York, la recensione dello show (di Giampiero Di Carlo)

“Springsteen on Broadway”, la recensione del disco  (di Claudio Todesco)

Bruce Springsteen, Broadway e il rock: la storia di uno spettacolo da record (di Gianni Sibilla)

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BOB DYLAN
Scopri qui tutti i vinili!