NEWS   |   R'n'B / hip hop / 04/12/2018

Jay-Z, il Paperone del rap (1 / 11)

Jay-Z, il Paperone del rap

Nato a Brooklyn quarantanove anni fa, il 4 dicembre 1969, Jay-Z, al secolo Shawn Corey Carter, è uno dei pezzi grossi dell’East Coast, nome di spicco del panorama rap statunitense che negli anni si è circondato di riconoscimenti e di sonante denaro, legato, per la verità, solo in misura minore alla sua attività musicale e dovuto per la maggior parte a quella imprenditoriale. Jay-Z è, infatti, tra le altre cose, tra gli investitori del canale televisivo Revolt fondato da Sean Combs, proprietario della piattaforma streaming Tidal e presidente e amministratore delegato dell’etichetta Def Jam Recordings. Dagli anni nel sobborgo newyorkese, dove ancora molto giovane Jay-Z si è reso protagonista di non pochi episodi di violenza tanto con la polizia quanto con i gangster del quartiere, insomma, di strada il rapper ne ha fatta parecchia. E se già da solo era una delle figure più note del music biz, insieme alla moglie Beyoncé - con la quale Jay-Z ha dato alle stampe nel giugno 2018 l’album collaborativo “Everything Is Love” seguito dalla tournée congiunta “On the Run tour” – i due sono definitivamente entrati nell’olimpo dei Re Mida dell’industria dell’intrattenimento. Al Paperone del rap, che oggi spegne 49 candeline, facciamo i nostri auguri ripercorrendo alcune delle sue vittorie, proposte in ordine cronologico, ai Grammy Awards, tra i riconoscimenti musicali più importanti degli Stati Uniti.