Tekashi 6ix9ine, ex membri della sua crew volevano ucciderlo?

Tekashi 6ix9ine, ex membri della sua crew volevano ucciderlo?

Tekashi 6ix9ine rischiava di essere ucciso da ex membri della sua crew prima dell'arresto di qualche giorno fa. Lo rivela il sito di gossip e intrattenimento TMZ, che riporta la trascrizione di alcune intercettazioni effettuate dalle autorità, secondo le quali il rapper stava per cadere vittima di un complotto messo in atto da alcuni suoi ex collaboratori.

In una di queste intercettazioni registrerebbe una telefonata tra due ex membri della crew di Tekashi 6ix9ine: uno (Mel Murda, vero nome Jamel Jones, tra i personaggi finiti dietro le sbarre il giorno dell'arresto di Tekashi) dice all'altro di voler "nutrire" il rapper dopo la sua apparizione al programma radiofonico The Breakfast Club dell'emittente radiofonica Power 105.1 dello scorso 16 novembre. Secondo il procuratore, l'espressione "nutrire" è una parola in codice che rimanderebbe proprio ad una sparatoria.

Tekashi 6ix9ine è stato arrestato nella notte tra il 18 e il 19 novembre: diversi i capi d'accusa, tra questi anche racket e possesso illegale di arma da fuoco. Il rapper, che pochi giorni dopo l'arresto è stato trasferito in una nuova prigione per "ragioni di sicurezza", rischia l'ergastolo. Tekashi si è dichiarato non colpevole di fronte ai giudici, ma lo incastrerebbero registrazioni e monitoraggio dei social network. Il suo album d'esordio, "Dummy boy", originariamente atteso sul mercato lo scorso 23 novembre, poi posticipato, è uscito a sorpresa lo scorso martedì: qui la nostra recensione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.