Secondary ticketing, oggi si vota l'emendamento Battelli. Mimmo D'Alessandro (D&G): 'Se passa sarà la morte di questo settore'

Secondary ticketing, oggi si vota l'emendamento Battelli. Mimmo D'Alessandro (D&G): 'Se passa sarà la morte di questo settore'

Si dice "molto preoccupato" Mimmo D'Alessandro, con Adolfo Galli a capo della D'Alessandro e Galli, agenzia di concerti organizzatrice - tra gli altri eventi - del Lucca Summer Festival e delle ultime date italiane di - solo per citarne alcuni - Rolling Stones, Roger Waters, Lenny Kravitz e Dave Matthews Band: secondo il promoter l'emendamento per combattere il secondary ticketing presentato dall'onorevole Sergio Battelli - già riformulato rispetto alla versione orginale - che verrà votato nelle prossime ore dalla Camera potrebbe rappresentare "la morte del nostro settore".

"Sono riusciti a svuotare gli stadi con gli stessi mezzi, ma d'accordo: si trattava di contrastare la violenza delle frange più estreme delle tifoserie. Ai concerti, invece, non si picchia nessuno", riflette D'Alessandro: "Se la nuova normativa proposta dovesse diventare effettivamente legge, gli indecisi ai concerti non ci andranno più. Le code agli ingressi, in virtù dei controlli delle identità, diventeranno infinite, è - cosa più grave per il pubblico - il prezzo dei biglietti triplicherà per far fronte alle spese supplementari che le produzioni si troveranno a far fronte".

"Trovo questo emendamento allucinante", prosegue D'Alessandro: "Mi domando se chi l'ha proposto conosca il lavoro che facciamo. L'industria della musica dal vivo in Italia vale almeno un miliardo di euro l'anno: diamo lavoro a migliaia di persone, siamo in settore in crescita costante che ha saputo creare un vero indotto".

Ci sono mai stati contatti tra Battelli, che ha proposto l'emendamento al centro del dibattito, e D'Alessandro? "No, nel modo più assoluto. E me ne dispiaccio, perché credo che col dialogo si possa trovare la soluzione a tutti i problemi. Con la repressione, invece, no, e trovo che questo emendamento sia punitivo nei confronti di un intero comparto. Oggi facciamo i sold-out con un anno di anticipo: con le nuove norme previste dall'emendamento, nessuno si azzarderà a comprare i biglietti una decina di mesi prima dell'evento. I bus organizzati di appassionati spariranno. Andare al concerto non sarà più una gioia, ma una vera e propria impresa, che farà scappare la voglia a molti. Sono davvero molto preoccupato".

La proposta di Battelli, però, nasce per contrastare il deprecabile fenomeno del secondary ticketing, condannato all'unanimità dall'industria dell'intrattenimento musicale dal vivo: "Certo, ma combattere il bagarinaggio - perché il secondary ticketing non è nient'altro se non bagarinaggio - è come combattere la prostituzione: è un fenomeno che c'è sempre stato e che sempre ci sarà. E che viene alimentato in primis da chi ne fruisce: per far sparire il secondary ticketing basterebbe che il pubblico la smettesse di rivolgersi ai siti dove si pratica bagarinaggio online. Invece per combatterlo si è scelto di mettere in crisi un settore che la crisi, fino a oggi, non l'aveva ancora conosciuta. Del resto in Italia funziona così: se qualcosa va bene, ci si impegna e si fa di tutto perché vada male".

Dall'archivio di Rockol - Quella volta che i Rolling Stones subirono un attentato terroristico...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.