Milano Music Week, giorno 6: Linecheck Music Meeting

Milano Music Week, giorno 6: Linecheck Music Meeting

Abbiamo dedicato l’intera giornata di Sabato 24 novembre a Linecheck Music Meeting and Festival, uno degli eventi pilastro della settimana, che ha casa a BASE Milano, e già in svolgimento da giovedì.
A differenza dei classici festival musicali, il progetto si propone più come aggregatore culturale con uno sguardo verso il futuro e l’innovazione, offrendo sia workshop, meeting diurni, sia concerti e showcase serali con l’intento di creare uno spazio di confronto tra professionisti del settore, appassionati, e chiunque abbia voglia di capirne di più sui meccanismi che muovono l’industria musicale.
La mattinata si è aperta con il Workshop “Impara l’ABC dell’export musicale” organizzato da Italia Music Export, ufficio fondato da SIAE per supportare lo sviluppo del music business italiano all’estero. L’incontro è stato mediato da Nur Al Habash, direttrice di Italia Music Export di SIAE ed ha avuto inizio con la testimonianza di Christopher Storbeck, socio fondatore dell’associazione Music Manager Forum e Artist Manager di lunga data. Il tema era l’inserimento di un artista italiano in un mercato straniero. Storbeck si è soffermato sull’importanza di conoscere le dinamiche dell’industria e delle varie scene musicali a livello internazionale in modo da poter proporre un prodotto adeguato alla nuova realtà e guidare il proprio assistito in un effettivo percorso di crescita. Si sono susseguiti i contributi di Feedy Frizzi (BMF Music) e Katia Giampaolo (IMMF, JoyCut Manager), incentrati sul valore che genera una vasta rete di contatti tra i professionisti del settore, ma soprattutto sulla qualità dei rapporti umani che sta alla base di collaborazioni realmente redditizie.

Nel primo pomeriggio ha avuto luogo l’evento “Music Media Publishing, Is There A Future?” con la partecipazione di professionisti nel campo dell’editoria musicale tra cui Vittorio Farachi (Rockit.it) , Camille Guermeur (Europavox.com), Johannes Jacobi (Home- For Festivals), Barbara Schwartz (DeAgostini) , Alberto Campo (La Repubblica, Billboard) e come mediatore Rupert Vereker (Publisher DIY, CEO Sonic Media Group UK). I temi e le domande poste agli ospiti sono stati molteplici: l’incontro si è incentrato sul ruolo che hanno i social media nella comunicazione editoriale e di come la continua innovazione porterà ulteriori cambiamenti nel concetto stesso di editoria. Ma su un punto sono tutti d’accordo: la vera sfida risiede nel contenuto e nel suo sviluppo, cercando sempre di rendere una storia originale e creativa in modo tale da attirare l’attenzione e l’interesse dei lettori, compresi i più giovani.

Infine la giornata si è conclusa con il music meeting “Qualità POP: Franco Battiati E La Voce Del Padrone”: Elena Viale (VICE italy), Fabio Zuffanti autore del libro dedicato a Franco Battiato, il fotografo Roberto Masotti e Francesco Messina, migliore amico e grafico della maggior parte dei lavori di Battiato, ci hanno condotto in un viaggio attraverso le esperienze che hanno forgiato la carriera dell’artista e che lo hanno portato a scrivere il disco che meglio rappresenta la sua vita imprevedibile, fatta di continue digressioni.
Dai loro racconti e dall’intervento di Peppo Delconte, una delle firme storiche della rivista Gong, ne è uscita un’immagine autentica di quello che è Franco: artista a 360 gradi e creatore di una cultura alternativa di cui sentiva costantemente il bisogno di nutrirsi.

(Matteo Forgiarini, Alice Suppa  e Marina Visintin - Master in Comunicazione Musicale) 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.