Milano Music Week, giorno 3: come si fa una playlist e la serata INRI con Ex Otago, Lemandorle e Stai

Milano Music Week, giorno 3: come si fa una playlist e la serata INRI con Ex Otago, Lemandorle e Stai

Il fulcro della terza giornata della MMW2018 è stato l'incontro svoltosi 16.30 presso la sede dell'Universitá Cattolica di via Carducci: un laboratorio sul tema "Come si fa una playlist”, organizzato dal Master in Comunicazione Musicale di Almed, in cui gli studenti hanno creato la playlist ufficiale della Milano Music Week.
Dopo una prima definizione del concetto di playlist come "forma di racconto e di narrazione" nel panorama attuale dei media, dove la musica è diventata intangibile e i meccanismi d'ascolto sono cambiati, sono stati i tracciati i quattro elementi chiave di una playlist-tipo su piattaforma digitale: l'immagine di copertina, il titolo, la descrizione ed il contenuto musicale. Tali fattori, tanto come meccanismi di evocazione quanto come veicoli d'identità, giocano un ruolo fondamentale nella creazione di una playlist vera e propria.
Una playlist ben fatta inoltre deve tener conto del contesto e dell'utenza a cui si riferisce e deve prefissarsi lo scopo di trasmettere musica di qualitá, soprattutto per il proprio target che il creatore si è proposto.
Al termine del laboratorio è stata infine realizzata questa playlist, caricata sul profilo ufficiale della Milano Music Week, con gli artisti presenti durante la settimana in città.

    Il fulcro della terza giornata della MMW2018 è stato l'incontro svoltosi 16.30 presso la sede dell'Universitá Cattolica di via Carducci: un laboratorio sul tema "Come si fa una playlist”, organizzato dal Master in Comunicazione Musicale di Almed, in cui gli studenti hanno creato la playlist ufficiale della Milano Music Week.
    Dopo una prima definizione del concetto di playlist come "forma di racconto e di narrazione" nel panorama attuale dei media, dove la musica è diventata intangibile e i meccanismi d'ascolto sono cambiati, sono stati i tracciati i quattro elementi chiave di una playlist-tipo su piattaforma digitale: l'immagine di copertina, il titolo, la descrizione ed il contenuto musicale. Tali fattori, tanto come meccanismi di evocazione quanto come veicoli d'identità, giocano un ruolo fondamentale nella creazione di una playlist vera e propria.
    Una playlist ben fatta inoltre deve tener conto del contesto e dell'utenza a cui si riferisce e deve prefissarsi lo scopo di trasmettere musica di qualitá, soprattutto per il proprio target che il creatore si è proposto.
    Al termine del laboratorio è stata infine realizzata questa playlist, caricata sul profilo ufficiale della Milano Music Week, con gli artisti presenti durante la settimana in città.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.