NEWS   |   Pop/Rock / 22/11/2018

Woodstock 2019, sale la febbre del toto-nomi. Ma attenzione alle bufale...

Woodstock 2019, sale la febbre del toto-nomi. Ma attenzione alle bufale...

A nemmeno una settimana dall'intervista con la quale Michael Lang - con John P. Roberts, Joel Rosenman e Artie Kornfeld organizzatore dello storico evento del '69 - ha implicitamente confermato l'evento che dovrebbe celebrare il cinquantesimo anniversario del festival di Woodstock, il gigantesco raduno musicale tenutosi a Bethel, nello stato di New York, tra il 15 e il 18 agosto del 1969, è scattata, sul Web, la rincorsa - basata su elementi più o meno concreti - al totonomi.

Festive Owl, account social specializzato nell'aggregare le voci di corridoio relative ai grandi eventi musicali dal vivo, ha diffuso quelli che ha definito "una bozza" del cast approntato dagli organizzatori per il cinquantesimo anniversario del padre di tutti i festival:

Stando all'indiscrezione, logicamente ufficiosa e tutto meno che confermata, Lang e soci sarebbero pronti a schierare sui prati di Bethel un cast stellare composto da - tra gli altri - Pearl Jam, Foo Fighters, Logic, Chance The Rapper, Pink, Lorde, The Weeknd, Coldplay, Kesha, Mumford and Sons, Lumineers, Demi Lovato, Ariana Grande, Eminem, Graham Nash, Neil Young, Santana, Who, Phish, Joan Baez, Bon Jovi, Elton John, Doobie Brothers, Zac Brown Band, Florida Georgia Line, Jason Aldean, Daft Punk, Swedish House Mafia, Deadmau5, Skrillex, Steve Aoki, Chainsmokers e molti altri.

L'assetto del festival - battezzato "Journey On" - diventerebbe molto simile ai grandi raduni già proposti a livello internazionale, con una nutrita rappresentanza di esponenti della scena EDM, urban e hip hop ad affiancare la compagine rock più istituzionale: non mancherebbero, sempre stando all'indiscrezione riferita da Festive Owl, anche nomi già presenti nella prima edizione della manifestazione, cioè Santana, Who, Joan Baez, Graham Nash e Neil Young, questi ultimi presenti nel cartellone di Woodstock '69 sotto la leggendaria egida di Crosby, Stills, Nash & Young.

Difficile stabilire se il leak proposto da Festive Owl sia una bufula o meno: nella migliore delle ipotesi, le slide rilanciate sui social potrebbero essere delle bozze di presentazione destinate a potenziali sponsor e investitori istituzionali con indicazioni indicative - compresa, ovviamente, la line-up - su statura e dimensioni del progetto. Non è affatto detto, quindi, che i nomi citati nel leak siano effettivamente quelli che andranno - sempre che il festival sia confermato in via ufficiale - ad animare il palco della nuova Woodstock. I Foo Fighters, per esempio, citati tra gli headliner, il 17 agosto si esibiranno al festival Glasgow Summer Sessions, in Scozia, per poi proseguire ai festival di Reading & Leeds, appena una settimana dopo. Contando che, secondo le prime indicazioni, la "nuova" Woodstock dovrebbe ricalcare il calendario dell'originale - quindi tra il 15 e il 17 agosto - pare improbabile che Dave Grohl e soci, impegnati dall'altra parte dell'Atlantico, riescano nell'arco di poche ore a materializzarsi, personalmente e con la produzione al seguito, sui prati di Bethel.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
JIMI HENDRIX
Scopri qui tutti i vinili!