Il cuore (elettro)pop di Giorgia. Esce l'album di cover 'Pop heart': 'Ma sto già lavorando a cose nuove' - INTERVISTA

Il cuore (elettro)pop di Giorgia. Esce l'album di cover 'Pop heart': 'Ma sto già lavorando a cose nuove' - INTERVISTA

Giorgia torna agli esordi, ma con la maturità e i suoni di oggi. A distanza di due anni dall'ultimo disco di inediti, la cantante romana pubblica un nuovo album. Stavolta di cover. Si intitola "Pop heart", uscirà venerdì 16 novembre e per Giorgia, che ha iniziato a muovere i suoi primi passi sui palchi proprio cantando canzoni portate al successo da altre voci, rappresenta un po' una chiusura del cerchio, dopo (quasi) venticinque anni di carriera.

Non ci sono i classici del rhythm and blues che interpretava da ragazzina con il gruppo di suo padre, però (con buona pace dei fan della prima ora), ma le sue versioni di evergreen del pop italiano e internazionale: "L'idea del disco di cover circolava da un po', la mia casa discografica me lo chiedeva da anni, sapendo che vengo da lì e che ancora oggi nei concerti mi permetto di citare pezzi non miei", racconta lei, "ho accettato di farlo ora perché sento che il mio ultimo album di inediti, 'Oronero', ha chiuso un ciclo iniziato con 'Dietro le apparenze' e che questo era il momento giusto per mettermi da parte".

Si va da "Le tasche piene di sassi" di Jovanotti (il singolo che ha anticipato l'uscita dell'album) a "Stay" di Rihanna, passando per "Una storia importante" di Eros Ramazzotti, "Gli ostacoli del cuore" di Elisa e Ligabue, "Dune mosse" di Zucchero, "Il conforto" di Tiziano Ferro, "L'ultimo bacio" di Carmen Consoli, "Sweet dreams" degli Eurythmics, "I Will always love you" di Whitney Houston, "I feel love" di Donna Summer, "Open your heart" di Madonna e "L'essenziale" di Marco Mengoni.

Solo alcune delle "canzoni del cuore" di Giorgia, che ha selezionato i brani in prima persona. La cantante non si è solamente limitata a reinterpretare queste canzoni, ma ha anche affidato il compito di riarrangiarle al suo produttore Michele Canova, con il quale collabora da "Dietro le apparenze" (l'album della svolta elettropop), lasciandosi guidare dal suo gusto per l'elettronica. I nuovi arrangiamenti sono spesso completamente diversi rispetto a quelli delle versioni originali e mettono in primo piano batterie elettroniche, sintetizzatori e programmazioni: "Ormai s'è capito che amo l'elettronica. Ma la amo da sempre: vengo dall'r&b e tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90 si facevano le ballad con cassa, rullante, sintetizzatori e cori. Quello rimane il mio punto di riferimento", spiega la cantante.

Giorgia e Canova hanno seguito un iter preciso, rimettendo mano ai pezzi: prima hanno provato le canzoni a livello vocale sulla base originale, poi quelle che funzionavano meglio le hanno portate avanti cercando una chiave diversa nell'arrangiamento. Il rischio era quello di osare e di uscire fuori dal percorso: "Ma abbiamo ovviato a questo timore studiando le versioni originali e cercando di restare fedeli a quelle, soprattutto in passaggi che non potevano essere cambiati, come gli accordi e le stesure. Volevamo dare alle nuove versioni un contributo sonoro, che fosse ispirato all'originale ma che avesse al tempo stesso qualcosa di contemporaneo".

Non mancano un paio di omaggi a compianti amici e colleghi, come Pino Daniele (che nel 1997 produsse il terzo album in studio di Giorgia, "Mangio troppa cioccolata") e Mango.

Del primo ha reinterpretato "Anima", del secondo "Lei verrà": "Pino non poteva mancare, perché ha fatto parte del mio bagaglio, della mia formazione. Ho scelto una delle canzoni che mi ricordano il periodo in cui abbiamo legato, come amici e come colleghi. Penso che il testo di 'Anima' sia perfetto per il periodo in cui viviamo. 'Lei verrà', invece, ho voluto inciderla perché è una canzone che mi fa tornare a quando cantavo le canzoni da Mango da fan. Ricordo che da ragazzina impazzivo per lui, per quel suo modo di cantare". Tra gli ospiti speciali del disco, accanto a Elisa e Eros Ramazzotti (compaiono per un breve cameo rispettivamente in "Gli ostacoli del cuore" e "Una storia importante"), ci sono anche Tiziano Ferro (che duetta con Giorgia su "Il conforto"), Benny Benassi (che ha prodotto la cover di "I feel love", diventata praticamente un pezzo techno) e Ainé, 27enne promessa dell'r&b italiano: "Lo conosco da un po' di anni, per una serie di coincidenze. Si è preso il suo tempo per maturare come musicista e come cantante: vuole fare le sue cose, crede nella scelta dei suoni e dello stile. Quando ho deciso di incidere 'Stay' di Rihanna ho pensato subito a lui".

Accanto al titolo dell'album, sulla copertina, la piccola scritta "vol. 1" lascia intendere che questo disco avrà un seguito: "Nella lista c'erano più di 100 canzoni. C'erano pezzi di Samuele Bersani, De Gregori, Fiorella Mannoia, Paola Turci, Ivano Fossati, Anna Oxa, Loredana Berté. Ho dovuto necessariamente scegliere. Però ho deciso di lasciare anche una porticina aperta. Se ne varrà la pena di far uscire il secondo volume, lo deciderà il pubblico", fa sapere la cantante. Il suo ultimo album di inediti, "Oronero", risale all'autunno del 2016: "'Dietro le apparenze', 'Senza paura' e 'Oronero' per me rappresentano un ciclo ormai chiuso. La storia è stata raccontata: si è evoluta e si è conclusa anche a livello musicale", dice Giorgia. Che poi anticipa: "Sto lavorando a cose nuove, partendo proprio da 'Oronero': per me è stato un punto di arrivo e di partenza". Ad aprile, intanto, partirà il nuovo tour nei palasport: "E lì - promette - metterò cose che non sono nel disco".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.