NEWS   |   Industria / 14/11/2018

Secondary ticketing, il pm di Milano chiede condanne e multe per cinque imputati nel processo sul bagarinaggio online

Secondary ticketing, il pm di Milano chiede condanne e multe per cinque imputati nel processo sul bagarinaggio online

Il pm di Milano Adriano Scudieri ha proposto al giudice dell'udienza preliminare del foro meneghino Maria Vicidomini le pene per gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato nel processo per secondary ticketing avviato nel 2017 in seguito allo scoop delle Iene sui legami commerciali illeciti tra società di live promoting e operatori di rivendita secondaria di biglietti: come riferisce l'agenzia ANSA, al netto dello sconto di un terzo per via del rito il pm Scudieri ha chiesto al gup Vicidomini 1 anno e 4 mesi di reclusione e 600 euro di multa per Roberto De Luca e Antonella Lodi di Live Nation Italia e Live Nation 2, e di 1 anno e 400 euro di multa per Corrado Rizzotto, oggi a capo di Indipendente Concerti ma all'epoca dei fatti alla guida di Vivo Concerti.

La Siae, costituitasi parte civile insieme all'associazione di consumatori Codacons, ha chiesto circa 200 mila euro di risarcimento: l'udienza è stata aggiornata al prossimo 5 dicembre.

Scudieri ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per gli imputati che hanno scelto il rito ordinario, tra i quali figurano anche Charles Stephen Roest e Kaur Rashvinder Dhoot, rispettivamente amministratore e legale rappresentante di Viagogo, la piattaforma di secondary ticketing con sede a Ginevra, in Svizzera.