Sanremo 2005: in sala stampa Gwen Stefani, la diva

Sanremo 2005: in sala stampa Gwen Stefani, la diva
La Jean Harlow del 2000 (per investitura ufficiale di Martin Scorsese) appare in sala stampa con ritardi da star hollywoodiana, 50 minuti abbondanti (ma pare sia colpa delle prove lungamente posticipate). Arriva sul palco con i capelli platinati raccolti in una fascia e ballerine asiatiche al seguito. “Dopo tanti anni con i No Doubt”, racconta a proposito dell’album solista “Love.Angel.Music.Baby”, “volevo fare un album diverso, un disco in stile dance. Ho compilato una mia lista dei desideri sulle persone con cui avrei desiderato collaborare. E’ incredibile che molti mi abbiano risposto di sì”.
C’è molto altro, oggi, nel mondo glamour della Stefani: “Ma tutto quello che faccio”, sostiene lei, “non ha a che fare col marketing. Piuttosto con un impulso creativo, si tratti di cantare come di disegnare abiti: tutto parte da un sogno. La musica, e la composizione soprattutto, rimangono il mio primo amore. La mia tortura, ciò che mi esaurisce. Quando il processo è finito mi dedico al divertimento. Sto realizzando la mia quinta collezione, a settembre terrò la mia prima sfilata di moda a New York”.
Viene spontaneo, a qualche giornalista, il confronto con Madonna. “Quando scoppiò il fenomeno, negli anni 80, avevo 15 anni ed ero ancora al liceo. Non mi piaceva il pop, allora, ma lo ska. Solo dopo ho capito che quella musica sarebbe rimasta nei miei ricordi: nel nuovo album, lo ammetto, ho voluto rifarmi proprio a quelle sonorità. Ma una nuova Madonna non esiste, lei ha tracciato una strada non solo per le donne ma anche per molti uomini”. Racconta qualcosa anche del suo corpo di ballo: “Quando sono andata a Tokyo per la prima volta sono rimasta colpita dall’originalità dello stile dei ragazzi e delle ragazze del luogo. Ho deciso di farmi la mia posse, è una delle fantasie che ho realizzato grazie all’album”.
E’ vero che c’è stata qualche frizione con gli autori che hanno collaborato all’album? “Scrivere canzoni è sempre una sofferenza, che tu lo faccia con i tuoi migliori amici o con le persone di cui sei sempre stato un fan e che ti ispirano soggezione”. E cosa c’è nel futuro di Gwen? “Non lo so, seguo l’onda. Coi No Doubt ci siamo ritrovati a suonare insieme in un concerto per lo Tsunami ed eravamo felici come quattro ragazzini. E’ possibile che in futuro per noi ci sia un nuovo album”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.