Mogol e Gianni Bella insieme per una rivisitazione di ‘La capinera’ di Giovanni Verga

Mogol e Gianni Bella insieme per una rivisitazione di ‘La capinera’ di Giovanni Verga

“La capinera”, melodramma di Giovanni Verga tratto dal romanzo epistolare “Storia di una capinera” andrà in scena dal 9 al 18 dicembre al Teatro Bellini di Catania con musiche di Gianni Bella, liriche di Mogol, orchestrazione di Geoff Westley, libretto di Giuseppe Fulcheri, regia, scene e costumi di Dante Ferretti.

Stando al sovrintendente del Teatro Bellini, Roberto Grossi, l’iniziativa è stata presa per “Rivitalizzare il linguaggio del melodramma attraverso strade nuove” e “rinnovare la lirica, perché i teatri rischiano di diventare i ripetitori di autori del passo”.

Mogol, da parte sua, ha commentato il proprio coinvolgimento nel progetto con:

“Quando Gianni mi propose di scrivere le liriche delle romanze, gli chiesi se avesse mai acquisito una cultura operistica. Mi rispose di no e io logicamente non accettai. Ma il genio va al di là del pensiero logico e quindi ascoltando la sua musica, qualche mese dopo decisi di scrivere le liriche. Perché Gianni Bella è il genio di questa compagine”

Francesco Nicolosi, direttore artistico del Teatro Bellini, in merito a questa iniziativa ha voluto dire la propria:

“Se non si fanno cose nuove il teatro rischia di diventare un museo”

Grossi ha fatto sapere di aver già proposto questa nuova veste di “La capinera” a tutte le fondazioni liriche italiane, ai teatri di tradizione e a tutti maggiori teatri d’opera del mondo e che, quindi, la prima del 9 dicembre  sarà fondamentale per vedere se l’opera sarà un successo anche dal punto di vista commerciale, oltre che artistico. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.