I Wavves in concerto in Texas: 'Minacciati di morte per non aver suonato il bis'

I Wavves in concerto in Texas: 'Minacciati di morte per non aver suonato il bis'

La band californiana tornata a segnalarsi al mercato discografico nel 2017 con l'album "You're Welcome" ha fatto sapere via social network di aver ricevuto minacce di morte da parte di uno spettatore texano per non aver eseguito il bis durante uno show in un locale di Houston, la più grande città del Lone Star State: secondo quanto spiegato da Nathan Williams, il fatto avrebbe avuto luogo nella serata di ieri, 22 ottobre, al termine della serata che ha visto i Wavves dividere il palco con i Beach Fossils.

"Un tizio al concerto di ieri sera ha minacciato di ucciderci perché non abbiamo suonato il bis. Pensavamo scherzasse, in un primo momento, ma alla fine si è rivelato maledettamente serio"

Contattato da Pitchfork, lo staff della band ha confermato l'accaduto, spiegando come lo spettatore sia stato allontanato dalla sala da concerti dallo staff della sicurezza del locale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.