Mike McGear, il fratello più piccolo di Paul McCartney, e le sue canzoni (1 / 9)

Mike McGear, il fratello più piccolo di Paul McCartney, e le sue canzoni

Poeta, scrittore, fotografo e anche cantante: da ragazzo aveva lavorato come apprendista parrucchiere, poi il fratello maggiore – mica uno qualunque: Paul McCartney – gli ha fatto da esempio, pur senza mai interferire troppo nel suo itinerario artistico. Non a caso Michael McCartney, nato il 7 gennaio, ha fin da subito scelto di usare uno pseudonimo per le sue attività nel mondo dello spettacolo, adottando il nome d’arte di Mike McGear. E’ vero che il fratello lo ha aiutato all’inizio, scrivendo il primo successo della band in cui militava Mike, gli Scaffold (“Thank U very much”); però poi il ragazzo ha camminato sulle proprie gambe. Senza mai diventare famoso, è vero, ma cavandosela dignitosamente. Vi facciamo ascoltare nelle prossime pagine alcune delle sue canzoni; fatevi un’idea anche voi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.