Sanremo Giovani: Claudio Baglioni presenta tutte le novità del concorso

Sanremo Giovani: Claudio Baglioni presenta tutte le novità del concorso

Una delle novità più importanti relative al Festival di Sanremo 2019 è la scelta del conduttore e direttore artistico Claudio Baglioni, annunciata già lo scorso luglio, di far concorrere tutti gli artisti in un'unica categoria. Il cantautore romano e l'organizzazione del Festival di Sanremo hanno deciso, quest'anno, di istituire un "festivalino" appositamente per le "nuove proposte", Sanremo Giovani, e di dedicargli un'intera settimana in tv, su Rai1, dal 17 al 21 dicembre: si sfideranno 24 artisti, due di questi vinceranno il concorso e accederanno di diritto alla categoria unica del Festival di Sanremo 2019 (gareggiando, dunque, accanto ai "big").

Baglioni ha presentato tutte le novità relative al concorso di Sanremo Giovani durante un incontro con i giornalisti in occasione della partenza del suo nuovo tour nei palasport (qui il racconto):

"Lo schema prevede una serie di attività intorno a Sanremo Giovani: volevamo dare a questa rassegna un'importanza diversa. L'ambizione è quella di concedere spazio a quei giovani talenti che non hanno molti spazi per farsi conoscere. È una cosa diversa dal talent: quello è un format televisivo. Con questo contest, invece, consideriamo la presentazione di un brano inedito".

Il problema principale è quello relativo al rapporto tra Sanremo Giovani e Area Sanremo, il concorso che fino all'edizione 2018 permetteva a due dei suoi concorrenti di partecipare di diritto al Festival di Sanremo, in gara tra le "Nuove Proposte" (accanto agli emergenti individuati dalla Rai). Non essendoci più una categoria "Nuove Proposte" al Festival di Sanremo 2019, Baglioni e gli organizzatori hanno deciso di far partecipare 6 vincitori di Area Sanremo al "festivalino" di Sanremo Giovani (come vuole la convenzione stipulata tra la Rai e il Comune di Sanremo), accanto ai 18 scelti da Baglioni e dalla commissione musicale tra gli iscritti al concorso Rai, permettendogli così di esibirsi in prima serata su Rai1 - seppur in un contesto diverso da quello del Festival di febbraio - ma non garantendo loro la partecipazione al Festival (solo i due vincitori di Sanremo Giovani, infatti, calcheranno il palco dell'Ariston - e questi potrebbero anche non essere i selezionati di Area Sanremo). Il direttore artistico ha infatti commentato:

"Abbiamo deciso di uniformare due concorsi distinti: Area Sanremo e Sanremo Giovani. La settimana prevede tre tappe di pre-avvicinamento, pre-serali da 45 minuti a puntata su Rai1 [subito dopo il Tg1 delle 20 e appena prima del prime time], durante le quali i giovani in gara si presenteranno. Poi ci saranno le due prime serate: 12 concorrenti si esibiranno la prima sera, gli altri 12 la seconda. Ogni serata avrà un vincitore e questi due parteciperanno al Festival di febbraio".

Nelle prossime settimane, tra tutti gli artisti che hanno mandato la propria domanda di partecipazione, Baglioni dovrà prima selezionarne 60 per le audizioni dal vivo e poi, tra questi, selezionarne 18 da portare in tv a dicembre (a questi si aggiungeranno i 6 di Area Sanremo). Ad aiutarlo, una commissione musicale formata da esperti del mondo della musica, cultura e comunicazione multimediale - i nomi dei componenti non sono stati resi noti. Durante le serate di Sanremo Giovani, gli artisti selezionati si esibiranno con la canzone inedita presentata ai provini e verranno valutati dalla stessa commissione musicale, da una giuria televisiva (formata anche questa da esperti del mondo della musica, cultura e comunicazione multimediale) e dal pubblico attraverso il televoto.

I due vincitori di Sanremo Giovani, per ovvie ragioni, non parteciperanno tra i "big" con la stessa canzone già presentata in tv a dicembre: per questo motivo, gli artisti scelti per le audizioni dal vivo dovranno presentare alla commissione un secondo brano, che - in caso di partecipazione e di vittoria a Sanremo Giovani - sarà quello che poi dovranno presentare in gara a Sanremo 2019 (ma il regolamento specifica che i due vincitori di Sanremo Giovani potranno avere la facoltà di sottoporre al direttore artistico altri brani nuovi, per sostituire eventualmente il brano presentato in fase di iscrizione - e che lo stesso Baglioni potrebbe chiedergli di fargli ascoltare qualcos'altro).

Sui conduttori delle due prime serate dedicate a Sanremo Giovani di dicembre Baglioni non si è sbilanciato. Commentando le indiscrezioni che vorrebbero alla guida delle due serate la coppia formata da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, il cantautore ha risposto: "Li abbiamo incontrati, ma abbiamo incontrato anche altri". Baglioni non dovrebbe apparire in tv, ma ha fatto sapere che sarà presente dietro le quinte.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.