Claudio Baglioni, le (sue) canzoni senza tempo 'Al centro' del nuovo tour: 'È l'avventura decisiva'. SCALETTA

Claudio Baglioni, le (sue) canzoni senza tempo 'Al centro' del nuovo tour: 'È l'avventura decisiva'. SCALETTA

"Basta", dice Baglioni, con un sorriso, sedendosi di fronte ai giornalisti in una stanza del palasport allestita a sala stampa, mentre il suo promoter ricorda i numeri del tour "Al Centro": 40 date che da ottobre ad aprile - con una pausa di tre mesi da dicembre a febbraio, per preparare il Festival di Sanremo 2019 - lo terranno impegnato sui palchi delle principali arene indoor italiane, insieme ad una band composta da una ventina di musicisti e ad una trentina tra ballerini e acrobati. Il cantautore romano ha da poco chiuso la prima data della tournée, al Mandela Forum di Firenze, un concerto di 3 ore e mezza che lo ha visto riproporre al chiuso lo spettacolo già proposto lo scorso settembre all'Arena di Verona (seppur con qualche piccola modifica). "Questa è l'avventura decisiva, che racchiude mezzo secolo di vita discografica", dice.

Con questo tour, Claudio Baglioni festeggia i suoi cinquant'anni di carriera. Per l'occasione, ha messo su uno spettacolo che mette al centro di tutto le sue canzoni: sono le tante pagine di una storia che è sì quella personale del cantautore, ma che è anche la nostra. "Questo piccolo grande amore", "Amore bello", "E tu", "Sabato pomeriggio" con quel modo di raccontare l'amore, mischiando un po' di tenerezza, un vago senso di smarrimento e la difficoltà a lasciarsi alle spalle l'adolescenza per entrare nel mondo dei "grandi", hanno resistito al tempo e attraversato le generazioni: in versi come "le chiare sere d'estate, il mare, i giochi, le fate / e la paura e la voglia di essere nudi" ci si ritrova chi ha sedici anni oggi tanto quanto chi quarant'anni fa ascoltava i 45 giri di Baglioni dal mangiadischi (e non è un caso se la maggior parte dei nuovi cantautori, quelli del giro "indie pop" per intenderci, si ispirino - tra le altre cose - anche al Baglioni degli anni '70). "Quando io ero ragazzo funzionava così: quello che ascoltavano i genitori era per forza di cose orrendo, per noi ragazzi", riflette lui, "poi, però, c'è stata una riappacificazione tra i gusti dei genitori e quelli dei figli. A volte mi fermano per strada e mi dicono: 'Sai, sono cresciuto con le tue canzoni'. Ho imparato a rispondergli così: 'Ti poteva andare meglio. O anche molto peggio' (ride)".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/Yp1mTETvOk81Jo2hdtJCT5aNWQY=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/d136187-c-angelo-trani.jpg
Il racconto parte da "Signora Lia" (lato b del suo primo 45 giri, appena accennata a inizio concerto) e arriva fino alle canzoni dell'ultimo album, "ConVoi" del 2013, seguendo un ordine rigorosamente cronologico: in mezzo ci sono cavalli di battaglia come - solo per citarne alcuni - "Porta Portese", "E tu come stai", "Via", "Strada facendo", "Avrai", "La vita è adesso, "Dagli il via", "Mille giorni di te e di me" e "Io sono qui". Baglioni parla di un vero e proprio romanzo musicale: "Sembra strano essere arrivato fin qui. Ricordo che quando iniziai pensavo che l'avventura come cantautore sarebbe finita presto. Invece è durata un po'. Un bel po', direi. È una storia personale, ma che interessa le vite di tante altre persone".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/ippFcNw4Xij75YFp2m67bnI5gGU=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/d136070-c-angelo-trani.jpg
Sul palco parla solo occasionalmente: "Bisogna lasciar parlare altre cose: le emozioni, le suggestioni, il ritmo". Le canzoni sono le vere protagoniste, ma anche gli elementi visivi e scenografici fanno la loro parte e rendono il concerto un vero e proprio show che strizza l'occhio al mondo del circo e del teatro. La regia, d'altronde, è di Giuliano Peparini (viene dal mondo della danza e negli ultimi anni è stato direttore artistico di "Amici", dove si è fatto conoscere dal pubblico televisivo grazie ai suoi imponenti "quadri"): "Mi ha aiutato a ricreare sul palco le sensazioni che avevo in mente quando scrissi le canzoni. Molte delle visioni proposte appartengono proprio alle sensazioni originali delle canzoni", spiega Baglioni a proposito della collaborazione con Peparini.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/wzjijqjPTUcUIqqEEETQqO80Tr0=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/d136029-1-c-angelo-trani.jpg
I prossimi mesi, per il cantautore, saranno particolarmente impegnativi: il tour autunnale, le selezioni di "Sanremo Giovani" (concorso al quale, da direttore artistico del Festival, quest'anno ha voluto dedicare un'intera settimana su Rai1, con tre pre-serali e due prime serate a dicembre: qui le novità svelate durante l'incontro), Sanremo 2019, la seconda parte del tour e il nuovo album di inediti (slittato all'autunno del prossimo anno). Ma Baglioni non sembra affatto stanco: "A me piace stare su questo palco. Il mio è un mestiere privilegiato. Ma il vero successo è che non smettiamo mai di essere dei ragazzini, in fondo. È come comprare tanti giocattoli e invitare molte persone a giocare insieme a te".

(di Mattia Marzi)

"Signora Lia"
"Al centro" (prologo)
"Questo piccolo grande amore"
"Porta Portese"
"Quanto ti voglio"
"Con tutto l'amore che posso"
"Amore bello"
"W l'Inghilterra"
"Io me ne andrei"
"E tu"
"Poster"
"Sabato pomeriggio"
"Quante volte"
"Solo"
"Un po' di più"
"E tu come stai"
"I vecchi"
"Ragazze dell'Est"
"Via"
"Strada facendo"
"Avrai"
"Uomini persi"
"Un nuovo giorno o un giorno nuovo"
"Notte di note note di notte"
"E adesso la pubblicità"
"La vita è adesso"
"Acqua dalla luna"
"Dagli il via"
"Mille giorni di te e di me"
"Noi no"
"Io sono qui"
"Le vie dei colori"
"Cuore d'aliante"
"Sono io"
"Tutti qui"
"Con voi"
"Al centro" (epilogo)

Dall'archivio di Rockol - presenta il suo Festival di Sanremo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
4 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.