Billy McFarland, l'organizzatore del Fyre Festival, è stato condannato a sei anni di prigione

Billy McFarland, l'organizzatore del Fyre Festival, è stato condannato a sei anni di prigione

Billy McFarland, il fondatore del disastroso Fyre Festival 2017, come riporta il New York Times, è stato condannato a sei anni di prigione. Il ventiseienne è stato dichiarato colpevole di aver frodato gli investitori, un atto che ha ammesso all'inizio di quest'anno.

McFarland ha dichiarato ai pubblici ministeri che Fyre Media ha ottenuto 26 milioni di dollari dagli investitori mentendo e frodando i documenti, per quella che era stata definita "l'esperienza culturale del decennio". Come sappiamo ora, però, il Fyre Festival ha finito per essere completamente di segno opposto, lasciando i partecipanti bloccati negli aeroporti a mangiare panini tristi al posto dei pasti a cinque stelle che McFarland aveva promesso.

Gruppi come i Blink 182, che dovevano partecipare al festival, non si sono mai presentati alle Bahamas, dove si svolgeva il Fyre Festival. Il ministero del turismo delle Bahamas ha dichiarato: "Gli organizzatori ci hanno assicurato che sono state prese tutte le misure per garantire un evento sicuro e di successo. Ma chiaramente non avevano le capacità per eseguire un evento di questa portata". Migliaia di persone avevano acquistato i biglietti pensando che sarebbero stati in giro con top model come Kendall Jenner, ma quella era ovviamente solo un'altra bugia.

Come scrive  ABC News, il giudice federale di Manhattan, Naomi Reice Buchwald ha detto:

"L'imputato è un truffatore seriale. Il signor McFarland è un imbroglione e non semplicemente un giovane fuorviato. I cattivi intenti erano presenti da lungo tempo".

Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.