NEWS   |   Industria / 10/10/2018

SoundCloud lancia una nuova formula di monetizzazione diretta per gli artisti: ‘Si tratta di supportare chi crea musica’

SoundCloud lancia una nuova formula di monetizzazione diretta per gli artisti: ‘Si tratta di supportare chi crea musica’

La piattaforma fondata nel 2007 per permettere agli artisti di distribuire la loro musica in streaming ha annunciato alcuni cambiamenti, a qualche settimana di distanza dalla decisione di Spotify di consentire agli artisti indipendenti di caricare in autonomia e gratuitamente la propria musica sulla piattaforma, portando via a SoundCloud ciò che l’aveva per molto tempo resa diversa dai suoi competitors. La risposta della società con quartier generale a Berlino non si è fatta attendere: SoundCloud, ha fatto sapere l’azienda, ha intenzione di espandere il suo programma SoundCloud Premier con una formula di monetizzazione diretta che mira a dare più potere ai musicisti che utilizzano la piattaforma e a rendere più semplice per i fan supportare i loro artisti preferiti.

Dopo un test iniziale con solo pochi artisti, ora il servizio mira a raggiungere una platea molto più ampia. Per accedervi, gli artisti dovranno avere almeno 5.000 ascolti nell'ultimo mese e il programma sarà limitato ai paesi in cui sono disponibili sia la pubblicità che la versione abbonamento di SoundCloud, SoundCloud Pro. L'obiettivo, spiega il CEO Kerry Trainor, è di rendere il servizio Premier disponibile per tutta la comunità musicale del sito, perché gli artisti possano arrivare a possedere i pieni diritti del lavoro che stanno monetizzando, traendo vantaggio dall’enorme base di utenti che la piattaforma ha accumulato a partire dalla sua nascita.

“La diversità di SoundCloud è uno dei grandi punti di forza della piattaforma. Vediamo contenuti di tutti i generi, attraversando ogni genere sessuale, ogni geografia”, ha fatto sapere Trainor. Proseguendo:

Una parte importante della nostra missione è quella di essere il più inclusivi e il più aperti possibile, così anche per SoundCloud Premier.

Per poi aggiungere:

In effetti, riteniamo che una delle cose più entusiasmanti di questa fase di espansione sia l'opportunità di aprire ulteriormente il servizio e consentire agli artisti di scegliere realmente quali strumenti utilizzare.

L’espansione di Premier, fanno sapere i vertici dell’azienda, avverrà allo stesso tempo con un occhio di riguardo per gli emergenti. SoundCloud ha, infatti, in mente di continuare con le playlist “Fresh Pressed” e “First on SoundCloud” e sta lanciando programmi come quello per aiutare gli artisti sulla piattaforma a girare i loro primi video musicali. 

“Per l'ascoltatore è tutto incentrato sulla scoperta dei creatori [della musica], sulla connessione con loro, sulla possibilità di dare loro feedback come like e condivisioni. E anche, da ora in poi, di sostenere il creatore”, ha commentato Trainor.

In questa prima fase Premium sarà esclusivamente per la musica originale, ma il CEO ha fatto sapere che SoundCloud è interessata a valutare anche come incorporare altre forme di contenuti audio, come podcast, remix e djset, nel programma Premier.