NEWS   |   Industria / 08/10/2018

UK, le star del rock si appellano al primo ministro: 'La brexit metterà il silenziatore alla musica inglese'

UK, le star del rock si appellano al primo ministro: 'La brexit metterà il silenziatore alla musica inglese'

Il leader dei Blur Damon Albarn (nella foto), quello già dei Pulp Jarvis Cocker, Brian Eno, Neil Tennant, Bobby Gillespie dei Primal Scream, l'ex Smiths Johnny Marr, Bob Geldof, Paul Simonon dei Clash, Nick Mason dei Pink Floyd, Roger Taylor dei Queen, Sting e star più contemporanee come Ed Sheeran e Rita Ora hanno firmato un'accorata lettera aperta indirizzata al primo ministro britannico Theresa May per mettere in guardia il governo di Londra sui pericoli connessi all'abbandono da parte del Regno Unito della comunità europea.

Secondo quanto sostenuto nella missiva sottoscritta da una vastissima rappresentanza della comunità musicale d'oltremanica la brexit costerebbe molto caro all'ecosistema discografico inglese, che oggi vale un giro d'affari annuale quantificabile - secondo il Times - in 4 miliardi e mezzo di sterline.

"Immagini l'Inghilterra senza musica: è difficile per noi, ma è impossibile per il resto del mondo", si legge nel passaggio chiave della missiva: "In questo settore, se non in nessun altro, la Gran Bretagna è ancora leader. La Brexit, tuttavia, minaccia come mai nessun altro questa voce. Stiamo per fare un grosso errore nei confronti di un'industria gigantesca e di una vasta schiera di geni non ancora scoperti che vivono su questa piccola isola".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi