NEWS   |   Italia / 04/10/2018

Tiromancino, 'Fino a qui': la storia di 'Liberi' (in duetto con Giuliano Sangiorgi)

Tiromancino, 'Fino a qui': la storia di 'Liberi' (in duetto con Giuliano Sangiorgi)

La scelta di Federico Zampaglione di incidere per il nuovo album dei Tiromancino, "Fino a qui", un duetto con Giuliano Sangiorgi su "Liberi" non è affatto casuale. Perché in questa canzone, scelto da Zampaglione come primo singolo dell'album "Indagine su un sentimento", che nel 2014 segnò il ritorno sulle scene della band romana dopo quattro anni di silenzio discografico, c'è in qualche modo anche lo zampino del cantante dei Negramaro. Ecco cosa racconta infatti Federico a proposito di "Liberi":

"Quando stavo lavorando a 'Indagine su un sentimento' decisi di prendermi qualche giorno di vacanza. Andai in Puglia da Giuliano e gli feci ascoltare il materiale su cui stavamo lavorando. Tra quel disco e il precedente io mi ero allontanato dalla musica e mi ero messo a fare film: non ero più nel giro, come si dice, perché stavo sperimentando in un altro campo. Quello sarebbe stato il nostro disco di ritorno. Bisognava scegliere il primo singolo, il più importante. Tra le altre cose, gli feci ascoltare 'Liberi', che era cantata tutta come nella prima parte, l'ottava bassa. Commentò: 'Il singolo è questo, giusto?'. E io gli risposi: 'In realtà no, il singolo è un altro'. 'A fratè, ma che te sei rincoglionito? Questa è una canzone meravigliosa. Questo deve essere il singolo. E soprattutto, la seconda parte cantala un'ottava sopra, perché il pezzo così si apre', mi disse. Cominciai a suonarla al pianoforte, seguendo i suoi suggerimenti. Alzando gli occhi dal piano vidi Giuliano alle prese con una specie di balletto post-moderno, ispirato dal cambio di ottava. 'Liberi' è un pezzo che appartiene tanto a me quanto a Giuliano".

Tiromancino-Fino A Qui

EUR 30,23
Compra ora su Amazon.it
Scheda artista Tour&Concerti
Testi