Kanye West, bufera per il discorso pro-Trump. Il rapper sui social: 'Aboliamo il tredicesimo emendamento della Costituzione'

Kanye West, bufera per il discorso pro-Trump. Il rapper sui social: 'Aboliamo il tredicesimo emendamento della Costituzione'

È bufera negli Stati Uniti per il discorso pro-Trump di Kanye West al "Saturday Night Live" di sabato sera, censurato in tv ma finito comunque sui social network. Come già riportato da Rockol, alla fine della trasmissione il rapper si è praticamente impadronito dello studio televisivo e, indossando un cappellino con su scritto "Make America Great Again", lo slogan utilizzato da Donald Trump durante la campagna elettorale per le presidenziali del 2016, ha tenuto un discorso in difesa di Trump. L'endorsement è poi proseguito sui social network.

Il presidente degli Stati Uniti, nelle ore successive alla diffusione dei video che immortalavano Kanye West nello studio con in testa il cappellino pro-Trump, ha commentato su Twitter il discorso del rapper censurato in tv:

"Come molti, non guardo il Saturday Night Live (anche se in passato sono stato loro ospite). Non è più divertente, non ci sono talenti e non c'è fascino. È solo pubblicità elettorale per i democratici. Pare che Kanye West, che ha indossato un cappellino con su scritto 'Make America Great Again' dopo lo show (anche se glielo avevano proibito), è stato grande".

Kanye West, dal canto suo, ha pubblicato su Twitter una foto che lo ritrae ancora con il cappellino con lo slogan di Trump. E ha scritto ai suoi followers:

"Questo rappresenta il bene e l'America sta tornando di nuovo unita. Non dovremo più affidarci ad altri paesi. Costruiamo fabbriche qui in America e creiamo posti di lavoro. Forniamo posti di lavoro a tutti coloro che sono fuori dalle prigioni e aboliamo il tredicesimo emendamento".

Il XIII emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America proibisce la schiavitù e i lavori forzati. Per questo motivo Kanye West ha ricevuto duri attacchi per il suo tweet (tra i tanti che lo hanno pubblicamente attaccato, anche Lana Del Rey: "La presidenza di Trump è stata una perdita per il nostro paese, ma il tuo sostegno a lui è una perdita per la cultura", ha tuonato la cantautrice su Instagram). Così il rapper si è sentito in dovere di pubblicare un altro tweet sull'argomento:

"Il tredicesimo emendamento è schiavitù sotto mentite spoglie. Significa che non è mai finita. Noi siamo la soluzione".

E ancora un altro:

"Non abolire, ma modificare il tredicesimo emendamento".

Negli scorsi giorni Kanye West ha fatto sapere di aver cambiato il proprio nome in Ye. Sabato scorso il rapper avrebbe dovuto pubblicare il suo nuovo album di inediti, che però non è ancora uscito.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.