Graham Coxon dei Blur pensa che il Britpop fosse ‘davvero fottutamente noioso per i chitarristi’

Graham Coxon dei Blur pensa che il Britpop fosse ‘davvero fottutamente noioso per i chitarristi’

Una delle anime del Britpop di qualche decennio fa, l’addetto alle sei corde dei Blur, ha raccontato al Guardian quanto poco fosse soddisfacente essere un chitarrista impegnato in quel genere musicale che la stessa band capitanata da Damon Albarn ha contribuito a forgiare. Per Graham Coxon il Britpop era, infatti, “davvero fottutamente noioso per i chitarristi”, tacciando di monotonia la maggior parte delle chitarre britanniche degli anni Novanta. In generale, non sembra che Coxon, che si è recentemente occupato della colonna sonora della serie targata Netflix “The End Of The Fucking World”, nutra troppa stima nei confronti delle band d’oltremanica:

Mi sono esaltato quando ho scoperto da dove veniva la buona musica. Ed era dall’America e da fuoricampo. Parlando di musicisti che suonano la chitarra, il Britpop per me era una noisa. Era una vera fottuta noia.

Il chitarrista dei Blur ha poi rimarcato il concetto:

Nessuno faceva qualcosa d’interessante con la chitarra. Certo, c’era Jonny Greenwood, dei Radiohead, ma la maggior parte erano solo dei sempliciotti che stavano lì per accompagnare una cantante donna.

La critica di Coxon verte in primo luogo sulla mancanza d’espressività delle band britanniche che erano sue contemporanee, di contro all’originalità statunitense: “Per me, persone come Sonic Youth, Bikini Kill, Pavement e altri gruppi punk di piccole etichette americane, quei ragazzi che erano teenagers, suonavano come se non gliene fregasse niente e come se la loro vita dipendesse da quello”, ha concluso il musicista, spezzando una seconda lancia in favore dei colleghi dall'altra parte dell'Atlantico.

In giorni in cui l’attenzione è puntata sull’offerta milionaria per la reunion dell’altra band simbolo del Britpop, quanto alla scuderia Blur, Coxon non ha mai fatto mistero sul fatto che non ci sono al momento progetti per un nuovo disco firmato dalla formazione, per quanto la volontà, in realtà, non manchi: “È impossibile dire sì o quando perché queste cose semplicemente arrivano dal nulla”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.