Milano Music Week 2018: tutti i dettagli della seconda edizione, dal 19 al 25 novembre: concerti, incontri e formazione

Milano Music Week 2018: tutti i dettagli della seconda edizione, dal 19 al 25 novembre: concerti, incontri e formazione

Dal 19 al 25 novembre si terrà la seconda edizione della Milano Music Week: la settimana interamente dedicata alla musica è stata presentata questa mattina a Palazzo Marino, alla presenza del sindaco Beppe Sala, dell'assessore alla Cultura Filippo Del Corno, e dei partner promotori, nella Sala Dell'Orologio, gremita di stampa e addetti ai lavori: segno che l’iniziativa è stata definitivamente "sposata" dalla filiera produttiva che rappresenta, oltre che dal pubblico (40.000 presenze nel 2017).
"Politicamente a Milano stiamo cercando di lavorare su due fronti", ha spiegato il sindaco. "La reputazione della città, innanzitutto: l’attrattiva, il vedere Milano apprezzata nel mondo per le sue carattistiche italiane, ma anche per la sua diversità. Il secondo è quello di lavorare per far sì che le differenze sociali diminuiscano invece che aumentare. La musica è fondamentale, in entrambe: è divertimento, ma questa settimana serve  anche a rafforzare il tessuto della città". Gli ha fatto eco Del Corno: "La Milano Music Week lavora su due binari: essere una piattaforma di confronto e di dialogo tra gli operatori del settore e ed essere un’occasione attrattiva per il pubblico. E’ un evento con un’ampia gamma di partner, da quelli istituzionali a quelli educativi ai media, che raccontano quanto Milano Music Week sia radicata nella città".
Tra i èartner,  anche noi di Rockol:  racconteremo la Milano Music Week sia attraverso un focus della sezione “industria” delle nostra area news,  punto di riferimento del music business italiano. Inoltre ospiteremo i report degli studenti dell'educational partner Master in Comunicazione Musicale di ALMED/Università Cattolica, che presenzieranno sul campo agli eventi, per raccontarli da una prospettiva diversa.

    Dal 19 al 25 novembre si terrà la seconda edizione della Milano Music Week: la settimana interamente dedicata alla musica è stata presentata questa mattina a Palazzo Marino, alla presenza del sindaco Beppe Sala, dell'assessore alla Cultura Filippo Del Corno, e dei partner promotori, nella Sala Dell'Orologio, gremita di stampa e addetti ai lavori: segno che l’iniziativa è stata definitivamente "sposata" dalla filiera produttiva che rappresenta, oltre che dal pubblico (40.000 presenze nel 2017).
    "Politicamente a Milano stiamo cercando di lavorare su due fronti", ha spiegato il sindaco. "La reputazione della città, innanzitutto: l’attrattiva, il vedere Milano apprezzata nel mondo per le sue carattistiche italiane, ma anche per la sua diversità. Il secondo è quello di lavorare per far sì che le differenze sociali diminuiscano invece che aumentare. La musica è fondamentale, in entrambe: è divertimento, ma questa settimana serve  anche a rafforzare il tessuto della città". Gli ha fatto eco Del Corno: "La Milano Music Week lavora su due binari: essere una piattaforma di confronto e di dialogo tra gli operatori del settore e ed essere un’occasione attrattiva per il pubblico. E’ un evento con un’ampia gamma di partner, da quelli istituzionali a quelli educativi ai media, che raccontano quanto Milano Music Week sia radicata nella città".
    Tra i èartner,  anche noi di Rockol:  racconteremo la Milano Music Week sia attraverso un focus della sezione “industria” delle nostra area news,  punto di riferimento del music business italiano. Inoltre ospiteremo i report degli studenti dell'educational partner Master in Comunicazione Musicale di ALMED/Università Cattolica, che presenzieranno sul campo agli eventi, per raccontarli da una prospettiva diversa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.