NEWS   |   Industria / 20/09/2018

Spotify apre il proprio servizio: gli artisti possono caricare la musica sulla piattaforma gratuitamente

Spotify apre il proprio servizio: gli artisti possono caricare la musica sulla piattaforma gratuitamente

Spotify ha lanciato oggi una nuova funzionalità che consentirà agli artisti indipendenti di caricare direttamente le tracce, senza alcun obbligo verso terze parti che sia un aggregatore o una etichetta discografica. La funzione rimane in modalità beta ma Spotify dice che, in futuro, ‘porterà il caricamento ad altri artisti ed etichette’. Gli artisti potranno accedere alla funzione di upload tramite la piattaforma Spotify For Artists, che, alla fine di giugno, ha contato oltre 200.000 atti verificati su base mensile.

Questa mossa era già stata anticipata da Spotify. A luglio, l'amministratore delegato della società, Daniel Ek, aveva ribadito agli investitori di voler creare un "mercato a due lati" per servire sia i consumatori che i musicisti.

La vera notizia – come riporta MusicBusinessWorldwide - tuttavia, è che la funzionalità di upload di Spotify è completamente gratuita. La piattaforma non addebita alcuna spesa anticipata per i caricamenti, indipendentemente dal numero di brani inviati, e inoltre non addebita agli artisti alcuna commissione aggiuntiva sulle royalties generate da questa musica. Questo approccio a costo zero è in netto contrasto con gli aggregatori/distributori digitali esistenti come CD Baby, TuneCore, Distrokid e Ditto, che richiedono una quota di upload una tantum o un pagamento annuale da parte degli artisti.

Questa notizia sarà ben accolta dagli artisti, ma non saranno accolte con favore dagli aggregatori, dalle major o, addirittura, da SoundCloud. Tradizionalmente, questo è stato il dominio di SoundCloud, che offre agli artisti la possibilità di caricare un numero di tracce illimitate, oltre all'accesso a strumenti di approfondimento, quando si iscrivono a un account Pro Unlimited per 15 dollari al mese o 135 all'anno. (SoundCloud offre anche un'opzione gratuita limitata per un caricamento totale di tre ore di materiale).

Spotify ha specificato a MBW che il nuovo tool sarà aperto solo a quelle parti che possiedono interamente il copyright delle loro registrazioni e che i sistemi di filtro sono stati "messi per impedire che contenuti potenzialmente a rischio violazione entrino nel servizio". Le cover possono essere caricate, ha confermato Kene Anoliefo di Spotify.

Un post sul blog di Spotify spiega: "Proprio come se si pubblicasse attraverso qualsiasi altro partner, vieni pagato quando i fan trasmettono la tua musica su Spotify. Le tue royalties di registrazione andranno automaticamente sul tuo conto bancario ogni mese e avrai un chiaro report di quanto i tuoi stream stanno guadagnando accanto agli altri approfondimenti ricevuti da Spotify for Artists. Il caricamento è gratuito per tutti gli artisti e Spotify non addebita costi o commissioni, indipendentemente dalla frequenza con cui si pubblica la musica.” Gli artisti possono programmare la data di uscita in cui desiderano che la loro musica appaia. Funzionalità come questa sono già state testate, sostiene Spotify.