Osservatorio NUOVOIMAIE, parte 19: 'La riforma UE del copyright non imprigiona gli utenti del Web, ma li libera. Ecco perché'

Osservatorio NUOVOIMAIE, parte 19: 'La riforma UE del copyright non imprigiona gli utenti del Web, ma li libera. Ecco perché'

#SaveYourInternet. Fight the #censorshipmachine. L'approvazione della riforma del copyright da parte del parlamento UE, lo scorso 12 settembre, è stata accolta da parte dell'opinione pubblica con toni millenaristici: i termini "censura" e "bavaglio" hanno iniziato a rincorrersi tanto sui social network quanto sui titoli di giornali, dando l'idea che la Rete fosse, effettivamente, a una svolta del tutto negativa. "Ma su questo tema c'è stata moltissima disinformazione", riflette Maila Sansaini, Direttore Generale di NUOVOIMAIE: "Nonostante le strumentalizzazioni la versione modificata [rispetto a quella bocciata a luglio, ndr] approvata questo mese va a favore di tutti gli utenti del Web. La legislazione attuale, che con la riforma è stata superata, poneva in capo al singolo la responsabilità delle proprie azioni sul Web: così poteva succedere che un utente, in completa buona fede, condividesse senza saperlo un contenuto coperto da diritto d'autore rischiando così di incorrere in sanzioni per pirateria. Con la nuova direttiva, invece, la responsabilità viene per lo meno condivisa con le grandi piattaforme UCG: chi offre canali agli utenti per veicolare contenuti coperti da diritto d'autore, come per esempio le canzoni, deve assicurarsi di avere stipulato una licenza col legittimo titolare per poterlo fare, come già succede, per esempio, con emittenti televisive o locali pubblici".

    #SaveYourInternet. Fight the #censorshipmachine. L'approvazione della riforma del copyright da parte del parlamento UE, lo scorso 12 settembre, è stata accolta da parte dell'opinione pubblica con toni millenaristici: i termini "censura" e "bavaglio" hanno iniziato a rincorrersi tanto sui social network quanto sui titoli di giornali, dando l'idea che la Rete fosse, effettivamente, a una svolta del tutto negativa. "Ma su questo tema c'è stata moltissima disinformazione", riflette Maila Sansaini, Direttore Generale di NUOVOIMAIE: "Nonostante le strumentalizzazioni la versione modificata [rispetto a quella bocciata a luglio, ndr] approvata questo mese va a favore di tutti gli utenti del Web. La legislazione attuale, che con la riforma è stata superata, poneva in capo al singolo la responsabilità delle proprie azioni sul Web: così poteva succedere che un utente, in completa buona fede, condividesse senza saperlo un contenuto coperto da diritto d'autore rischiando così di incorrere in sanzioni per pirateria. Con la nuova direttiva, invece, la responsabilità viene per lo meno condivisa con le grandi piattaforme UCG: chi offre canali agli utenti per veicolare contenuti coperti da diritto d'autore, come per esempio le canzoni, deve assicurarsi di avere stipulato una licenza col legittimo titolare per poterlo fare, come già succede, per esempio, con emittenti televisive o locali pubblici".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.